Questo articolo è stato letto 0 volte

25 milioni di euro per sviluppo aree svantaggiate

25-milioni-di-euro-per-sviluppo-aree-svantaggiate.gif

Un decreto firmato dal Ministro per gli Affari Regionali Linda Lanzillotta stanzia nuovi fondi a sostegno delle aree svantaggiate, in particolare quelle confinanti con le Regioni a Statuto Speciale. I finanziamenti premieranno i migliori progetti finalizzati allo sviluppo economico e sociale dei territori.

Nuovi fondi per le aree territoriali svantaggiate confinanti con le regioni a statuto speciale. E’ quanto prevede il decreto firmato dal Ministro per gli Affari Regionali, Linda Lanzillotta, lo scorso 12 marzo. 

Il provvedimento, che predispone un fondo di 25 milioni di euro da investire per la promozione di progetti di sviluppo economico e sociale, ripartisce le risorse indirizzandole a tre specifiche aree geografiche. La prima, composta dai comuni confinanti con la Valle D’Aosta, beneficerà di 5,5 milioni di Euro. Ai comuni limitrofi al Trentino-Alto Adige, appartrenenti alla seconda area, andranno 11,875 milioni di Euro. La terza area, comprensiva dei territori veneti situati in prossimità del Friuli, godrà di una quota di risorse pari a 7,625 milioni di Euro. 

Ad accedere ai fondi saranno i comuni, singoli o aggregati, che presenteranno domanda di finanziamento su singoli progetti. Il Ministero, allo scopo di valutarne l’iter e la definitiva realizzazione potrà poi stipulare protocolli di intesa con le Regioni interessate.

Il testo del decreto, comprensivo delle indicazioni sulle modalità di presentazione e valutazione dei progetti, sarà pubblicato nei prossimi giorni in Gazzetta Ufficiale e visibile sul sito internet degli Affari Regionali e Autonomie Locali.  

Fonte: www.governoinforma.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico