Questo articolo è stato letto 0 volte

Adempimenti in edilizia: la rivoluzione dei moduli unici semplificati

adempimenti-in-edilizia-la-rivoluzione-dei-moduli-unici-semplificati.jpg

Arriva il sospirato ok per l’adozione dei moduli unici semplificati per la SCIA in edilizia e il permesso di costruire: gli innovativi schemi procedurali provvederanno a sostituire tutti i moduli differenziati presenti nella varie articolazioni territoriali (Regioni, Comuni). Una reale rivoluzione nel nome della semplificazione, o almeno è questo che il Governo si propone di portare avanti.

L’obiettivo generale è quello di ottenere la massima semplificazione: non verrà più chiesta la documentazione che l’amministrazione già possiede: basterà una semplice autocertificazione o l’indicazione degli elementi che consentono all’amministrazione di reperire la documentazione. Invece degli oltre 8000 moduli, fino ad ora in uso, si utilizzerà un solo modulo che, laddove necessario, potrà essere adeguato ed adattato alle specifiche caratteristiche della normativa regionale.

Due gli schemi previsti, ciascuno composto da 3 sezioni (e circa una trentina di pagine): nella prima sezione dovranno essere indicati i dati generali del richiedente e dell’intervento stesso, nella seconda gli eventuali altri soggetti coinvolti nell’intervento edilizio e nella terza i dati contenuti nella relazione tecnica.

Per altre informazioni in ordine alla progressiva necessità di snellimento delle procedure nel settore dell’edilizia leggi l’articolo Semplificazione adempimenti in edilizia: grandi novità in rampa di lancio su Ediltecnico.it.

Il modulo unificato contribuirà ad agevolare l’informatizzazione delle procedure e la trasparenza per cittadini e imprese. E il percorso è solo all’inizio: nell’ampia cornice del rinnovamento delle procedure amministrative e della complessiva semplificazione della PA, si punterà all’adozione di altri moduli per l’edilizia, l’ambiente e l’avvio delle attività produttive, proseguendo anche con la semplificazione delle procedure connesse alle attività edilizie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>