Questo articolo è stato letto 0 volte

Altà Velocità: inaugurata la tratta Milano-Bologna

alt-velocitinaugurata-la-tratta-milano-bologna.gif

È stata presentata nei giorni scorsi la nuova tratta ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna. Il prossimo 13 dicembre l’ETR 500 Frecciarossa compierà il viaggio inaugurale ed è previsto entro dicembre 2009 il completamento dell’intera tratta AV Torino-Salerno.
 
Ferrovie dello Stato ha spiegato che la flotta veloce unirà Milano a Bologna in 65 minuti a 300 chilometri orari e che, da Milano a Roma, con gli Eurostar AV Fast si impiegheranno tre ore e mezza. 

"Le linee Alta Velocità/Alta Capacità italiane costituiscono una delle maggiori opere infrastrutturali in realizzazione nel nostro Paese per investimento, complessità e importanza strategica – precisa il Gruppo in un comunicato – Ad oggi sono già in esercizio oltre 650 chilometri di linea, a cui da dicembre si aggiungono i 182 della Milano-Bologna".

"A fine 2009, poi, il sistema si completerà con l’apertura della Novara-Milano e della Bologna-Firenze – aggiunge -. Rispetto alle altre esperienze europee di Alta Velocità, per le linee italiane è stata adottata una formula unica: quella dell’Alta Velocità/Alta Capacità, caratterizzata dalla stretta integrazione con la ferrovia esistente, numerosi interventi di inserimento nel territorio e soluzioni tecnico-ingegneristiche che consentono il trasporto di viaggiatori e merci".

Le stazioni del sistema Alta Velocità
Nei grandi nodi metropolitani di Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli, le stazioni destinate ad accogliere i treni Alta Velocità sono state ristrutturate o completamente rinnovate, progettate da architetti vincitori di concorsi internazionali. Progetto pilota del nuovo modo di intendere le stazioni quali nuove piazze urbane è stata la riqualificazione di Roma Termini e, ora, la Stazione Centrale di Milano.

Sezione Alta Velocità

Fonte: www.ferroviedellostato.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico