Questo articolo è stato letto 0 volte

Ambiente e edilizia scolastica in Basilicata

ambiente-e-edilizia-scolastica-in-basilicata.jpg

Una rete unitaria per il monitoraggio ambientale 
I dati relativi all’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo ed al rischio sismico rilevati dalle diverse reti di monitoraggio presenti sul territorio regionale faranno capo ad una rete unitaria, che dovrà restituire un quadro coerente e complessivo delle attività svolte.

Lo ha deciso la giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente, Territorio e Politiche della sostenibilità, Vincenzo Santochirico.

Il compito di effettuare lo studio ricognitivo ed il progetto metodologico per la costituzione della rete è stato affidato al Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell’Ambiente dell’Università della Basilicata, che dovrà anche fissare i criteri per ottimizzare la fruizione dei dati ai fini della ricerca, della tutela dell’ambiente e della prevenzione dei rischi.

“Nella nostra regione – spiega l’assessore Santochirico –, in tema di monitoraggio operano una pluralità di soggetti, ciascuno con differenti sedi e reti di rilevamento. Questo sistema si farà ancora più complesso con l’avvio del Centro di monitoraggio ambientale della Basilicata, i cui progetti di realizzazione sono attualmente in fase di valutazione”.

Le analisi sulla qualità dell’aria e su altre matrici ambientali, infatti, sono attualmente svolte dall’Arpab e da Metapontum Agrobios, oltre che da diversi enti territoriali e soggetti privati.

“Grazie alla rete unitaria sarà possibile utilizzare i dati rilevati in diversi settori e per varie attività, anche per consentire una più larga fruizione di soggetti pubblici e privati. Inoltre – conclude l’assessore – sarà possibile realizzare una strategia che si interfaccia con altre iniziative, evitando sprechi e duplicazioni e svolgendo un ruolo di razionalizzazione e coordinamento”.
*****

Sicurezza edifici scolastici in provincia di Matera
Nel Consiglio provinciale di Matera l’assessore all’Edilizia scolastica, Gaetano Santarsia ha fato il punto sulla sicurezza dei 38 istituti di istruzione secondaria nel Materano.

“In attuazione del Primo programma temporale – annualità 2004 – delle verifiche del patrimonio edilizio strategico e rilevante – Misura 1.5, Por Basilicata 2000-2006, – ha illustrato all’Edilizia scolastica, Gaetano Santarsia – sono state effettuate le verifiche di vulnerabilità sismica su 18 edifici di cui 8 a Matera e 10 nei comuni della provincia ove sono ubicate le scuole di secondo grado.

Gli edifici scolastici della Provincia – ha spiegato l’assessore – sono ubicati in Comuni classificati come zona sismica 2 o zona sismica 3 secondo il Dpcm n.2374 del 20 marzo 2003. Le priorità di intervento sono desunte dai risultati rivenienti dalle “Verifiche di vulnerabilità sismica”.

Gli interventi di adeguamento sismico attualmente in corso interessano 3 edifici scolastici ricadenti in zona sismica 2: Itis di Ferrandina, verbale di consegna lavori dicembre 2008; Istituto Magistrale e Liceo scientifico di Montalbano Jonico, verbale di consegna lavori, giugno 2008 ed Ipaa di Garaguso scalo, consegna lavori in corso.”

Poi gli interventi di adeguamento sismico in corso di progettazione: al Professionale di Rotondella, di Ferrandina (maschile), di Policoro ed all’Alberghiero di via Castello di Matera.
L’importo ammonta a 2.573.985 euro e rientra in un cofinanziamento Provincia – Regione.

“Questi lavori – ha continuato Santarsia – inizieranno entro giugno di quest’anno. Restano ora da effettuare 11 interventi su edifici i cui accertamenti strumentali, conseguenti la verifica di vulnerabilità hanno dato risultati contenuti nei limiti della norma secondo il metodo sancito nelle linee guida regionali.

Inoltre sono in corso di realizzazione interventi di adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione, per un importo complessivo di 1.006.760 cosi ripartiti: 150.000 euro all’Itcg di Tursi, 100.000 euro al Conservatorio di Musica di Matera in piazza del Sedile, 106.760 per l’Ipss “I. Morra” di Matera, 150.000 per il Liceo classico di Nova Siri, 100.000 euro per l’Ipsia maschile e femminile turistico di Stigliano, 150.000 euro per l’Itcg “A. Olivetti” di Matera ed infine 100.000 euro per l’Itis di Ferrandina.”

L’assessore all’Edilizia scolastica ha informato il Consiglio che è stato appaltato il completamento del primo stralcio dei lavori di costruzione del Polivalente di Stigliano, i cui lavori sono in fase di consegna.
Inoltre sono stati completati e sono in corso di acquisizione, i pareri per l’approvazione dei progetti per edifici scolastici finanziati interamente dalla Provincia di Matera.

Per l’ampliamento dell’alberghiero di via Castello a Matera, 450.000 euro; per il Liceo scientifico di Policoro, 500.000 euro; per la costruzione del Polivalente di Marconia, Itas – Ipssar, 450.000 euro; per l’adeguamento del Liceo scientifico di Tricarico, 334.488 euro.

Fonte: www.basilicatanet.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico