Questo articolo è stato letto 0 volte

Ambiente e territorio in Lombardia

ambiente-e-territorio-in-lombardia.jpg

"L’Expo 2015 – spiega Ferrazzi – rappresenta una grande opportunità soprattutto per l’intero sistema rurale lombardo.

I temi dell’Expo sono l’alimentazione e la sua sostenibilità e l’assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia, insieme a Provincia e Comune di Milano, attraverso un progetto dedicato, vuole dimostrare come sia possibile sviluppare un sistema rurale produttivo, multifunzionale, fruibile dai cittadini e indispensabile per l’equilibrio del territorio, dove i canali, i fontanili, le aree umide, gli agriturismi, le fattorie didattiche, i boschi, siano gli autentici protagonisti".

In dettaglio, si prevede la costruzione di una rete agroambientale costituita da canali riqualificati per la fruizione da parte del cittadino, fontanili, aree umide, agriturismi, fattorie didattiche, siepi, filari, boschi.

Questa rete si svilupperà senza intaccare la produzione agricola e la funzionalità aziendale, ma al contrario portando valore aggiunto a tutte le attività agricole.
La rete si appoggerà soprattutto sul sistema di bonifica e di irrigazione (canali, navigli); su collegamenti equestri e ciclo-pedonali tra abbazie, agriturismi, siti storici, ecc; sui corsi d’acqua naturali e sugli elementi storici del paesaggio.

Parallelamente sarà favorito ogni possibile miglioramento dell’attività e dell’economia agricola. In accordo con gli enti locali, si proporrà l’utilizzo degli edifici rurali abbandonati per attività di accoglienza turistica e servizi funzionali all’arrivo di tutti gli ospiti dell’Expo.

"In questi anni –  dichiaral’assessore all’Agricoltura, Luca Daniel Ferrazzi – Regione Lombardia ha dedicato estrema importanza ai Consorzi di bonifica, legiferando in materia con l’obiettivo di mantenere il giusto equilibrio tra le esigenze produttive delle aziende agricole, il territorio e le strutture preposte alla gestione della risorsa idrica.

Gli interventi riservati dalla mia Direzione Generale al miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dei sistemi irrigui hanno trovato finanziamento nell’ambito dei fondi strutturali 2000-2006 per 227 progetti, tutti completati, e per un volume di investimenti di 67 milioni di euro".

"Anche quest’anno – dice ancora l’assessore – abbiamo stanziato fondi per iniziative urgenti per circa 450.000 euro e, tra ottobre e novembre, apriremo i bandi relativi alle misure 125 A (gestione idrica e salvaguardia del territorio) e 125 B (infrastrutture di accesso ai terreni agricoli e forestali, approvvigionamento energetico e idrico) del nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013".

"Tutti i Consorzi di bonifica e irrigazione – conclude Ferrazzi – rimangono baluardi nel territorio di pianura lombardo in termini di difesa e conservazione del suolo, di tutela e di valorizzazione dell’ambiente, di mantenimento delle condizioni igieniche ed idrauliche e per l’insostituibile ruolo nell’ambito dell’irrigazione e della bonifica".

Fonte: www.regione.lombardia.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico