Questo articolo è stato letto 0 volte

Ambiente: Toscana al top

ambiente-toscana-al-top.gif
Periodo 2000-07: la Toscana è la Regione più dinamica
«La Toscana è la regione italiana più ecosostenibile. Qui tra il 2000 e il 2007 si registrano i migliori risultati sul fronte dell’occupazione, dell’innovazione della coesione sociale e soprattutto della sostenibilità ambientale».
Non nasconde la sua soddisfazione , nel commentare l’indagine sulla situazione economica delle Regioni italiane diffusa dal “Centro studi sintesi” di Venezia e pubblicato oggi sul Sole 24 ore.
La Toscana figura al tredicesimo posto per l’innovazione, all’undicesimo per coesione sociale, al terzo per l’occupazione e al primo per la sostenibilità ambientale. Ma sono i progressi fatti registrare nel periodo 2000-2007, a far balzare decisamente al primo posto (con un indice di 25,1) la Toscana, che stacca di oltre 3 punti il Molise (che, partendo da posizioni di netta retroguardia registra comunque performance peggiori), un terzetto di regioni meridionali (Puglia a 14,2 Calabria a 14 e Sardegna a 12,8) e poi la Liguria al sesto posto con 11,1 e l’Emilia Romagna al settimo con 10,5, ultima delle regioni in doppia cifra.
«L’ottimo risultato ottenuto nel campo della sostenibilità ambientale – aggiunge l’assessore regionale all’ambiente e all’energia, Anna Rita Bramerini – testimonia dell’efficacia del nostro impegno nel settore della produzione di energia da fonti rinnovabili. Si tratta di un dato che puntiamo a migliorare ancora, visto che nel Piano energetico da poco approvato prevediamo entro il 2020 di produrre da rinnovabili fino alla metà dell’energia elettrica che consumiamo. Favoriremo questo sforzo con incentivi economici e semplificazione delle procedure, così da diventare un esempio di regione sempre più ecosostenibile».
L’analisi condotta dal Centro studi sintesi ha riguardato 12 indicatori economico-sociali raggruppati in quattro aree tematiche e confrontati con gli obiettivi europei al 2010 stabiliti a Lisbona dai Paesi dell’Unione europea.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico