Questo articolo è stato letto 2 volte

Amministrazioni comunali: come gestire gli immobili inutilizzati?

amministrazioni-comunali-come-gestire-gli-immobili-inutilizzati.jpg

Un immobile appartenente al patrimonio indisponibile può essere inserito nel piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari? Il quesito assume discreto rilievo nel periodo attuale.

A tal riguardo l’art. 58 del decreto legge 112/2008, convertito nella legge n. 133/2008, stabilisce al primo comma che “per procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di Regioni, Province, Comuni e altri Enti locali, nonché di società o Enti a totale partecipazione dei predetti enti, ciascuno di essi, con delibera dell’organo di Governo individua, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Viene così redatto il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione nel quale, previa intesa, sono inseriti immobili di proprietà dello Stato individuati dal Ministero dell’economia e delle finanze – Agenzia del Demanio tra quelli che insistono nel relativo territorio”.

Nel secondo comma del medesimo articolo è previsto che l’inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile.

Per leggere altre notizie e consultare approfondimenti dottrinali in materai vai alla pagina speciale sui Beni demaniali.

Sempre all’interno del secondo secondo comma viene specificato che la deliberazione del consiglio comunale di approvazione (o di ratifica dell’atto di deliberazione se trattasi di società o Ente a totale partecipazione pubblica) del piano delle alienazioni e valorizzazioni determina le destinazioni d’uso urbanistiche degli immobili.

Alla luce di tale dettato normativo (illustrato anche dal TAR Calabria, sez. I Catanzaro, tramite la sentenza n. 165 del 28 gennaio 2014) si constata con tutta evidenza il seguente concetto: il fatto che l’immobile faccia parte del patrimonio indisponibile non è di per sé ostativo alla dismissione. Anzi, l’intera operazione prevista dal legislatore appare diretta a far sì che gli immobili non più utilizzati per il perseguimento degli scopi delle pubbliche amministrazioni siano collocati nel patrimonio disponibile ai fini della valorizzazione o della dismissione.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti in materia di beni demaniali consigliamo di consultare il contributo di dottrina redatto dai nostri esperti Antonella Mafrica e Mario Petrulli intitolato Quesiti risolti in materia di beni demaniali e patrimoniali del Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>