Questo articolo è stato letto 1 volte

Appalti: accordo contro le infiltrazioni mafiose

appalti-accordo-contro-le-infiltrazioni-mafiose.gif

Mentre proseguono le indagini sul giro di corruzione legato agli appalti dei grandi eventi, è notizia di queste ore l’intesa siglata tra l’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici e la Direzione Nazionale Antimafia proprio sui lavori pubblici.

Luigi Giampaolino, presidente  dell’AVCP e il Procuratore Nazionale della DNA  Piero Grasso, hanno firmato oggi un protocollo d’intesa volto ad assicurare l’accesso ed uso delle informazioni raccolte nei rispettivi sistemi informativi, nel rispetto degli obiettivi del piano e-government, delle disposizioni contenute nel Codice di Amministrazione Digitale e delle disposizioni impartite dal CNIPA Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione.

Il presidente Giampaolino ha dichiarato che “ l’accordo mira allo scambio di informazioni riguardanti gli appalti pubblici, gli operatori economici e la segnalazione di eventuali manifestazioni illecite”. “L’Autorità – ha continuato Giampaolino  – comunicherà anche alla DNA l’insorgere di presumibili infiltrazioni mafiose e turbative d’asta”.

La DNA, si legge nel protocollo, segnalerà tempestivamente il venir meno dei requisiti delle imprese qualificate e della Società Organismo di Attestazione (SOA) per l’aggiornamento del Casellario Informatico dell’AVCP.

L’AVCP e la DNA coopereranno per l’acquisizione on-line dei programmi emergenziali e per garantire trasparenza nel mercato degli appalti attraverso il continuo interscambio di dati riguardanti i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui sono in possesso.

I dati oggetto di condivisione riguardano:
a) i bandi di gara, le aggiudicazioni, i partecipanti alle gare, i subappalti ed i noli a caldo, le varianti, l’esito di attività ispettive che si rilevino di interesse per le parti;
b) Le informazioni sugli operatori economici con riferimento ai requisiti antimafia prescritti ai fini della partecipazione alle gare;
c) Le informazioni relative agli operatori economici, sia singoli, sia facenti parte di raggruppamenti temporanei di imprese, al fine di consentire alla DNA di verificare eventuali situazioni di interesse.

Fonte: www.avcp.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>