Questo articolo è stato letto 6 volte

Appalti: la revisione prezzi opera solo con l’aggiudicazione definitiva

appalti-la-revisione-prezzi-opera-solo-con-laggiudicazione-definitiva.jpg

Mediante la sentenza n. 11577/2016 depositata lo scorso 6 giugno, la suprema Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui, ai fini della revisione prezzi di un appalto di opera pubblica, “nel quadro di applicazione dell’art. 33 della legge 28 febbraio 1986 n. 41, nessun rilievo riveste l’aggiudicazione provvisoria ed il tempo eventualmente intercorrente tra essa e l’aggiudicazione definitiva e/o la stipulazione del contratto”.

I giudici della Cassazione hanno di recente chiarito che, in tema di pubblici appalti, l’aggiudicazione provvisoria “ha natura di atto endoprocedimentale, che, quantunque generi tra le parti situazioni giuridiche preliminari tutelabili in sede giurisdizionale, non può mai determinare l’instaurazione del rapporto contrattuale finale tra la stazione appaltante e l’aggiudicatario, potendo tale risultato raggiungersi solo con l’aggiudicazione definitiva, che non è atto meramente confermativo o esecutivo ma è un provvedimento affatto autonomo e diverso rispetto all’aggiudicazione provvisoria anche quando ne recepisca interamente i contenuti”.

Dal momento che la revisione prezzi tende a ristabilire il rapporto sinallagmatico tra la prestazione dell’appaltatore e la controprestazione dell’Amministrazione, – continuano i giudici – adeguando il corrispettivo alle variazioni dei prezzi di mercato qualora questi superino la soglia prevista dall’alea contrattuale come determinata dalla legge, essa può operare soltanto dopo che il rapporto contrattuale sia sorto, e cioè non prima dell’aggiudicazione definitiva”.

Nel frattempo il Nuovo Codice Appalti sta crwando diverse novità nell’ambito dell amteria nel nostro Paese: per orientarsi all’interno di tali cambiamenti con specifico riferimento ai professionisti tecnici, Maggioli Editore suggerisce il nuovo volume intitolato Il nuovo codice degli appalti e il professionista tecnico. Il libro, scritto dall’Arch. Pantaleo De Finis, affronta le novità generali del Codice e quelle che interessano il professionista tecnico nell’esercizio della sua attività. In appendice al volume sono riportate delle tabelle di corrispondenza tra il d.lgs. n. 50/2016, i principi di delega recepiti, i principi di direttiva attuati e la disciplina previgente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>