Questo articolo è stato letto 0 volte

Appalti:le linee guida dell’Authority

appaltile-linee-guida-dellauthority.gif

“La semplificazione di tutte le fasi della realizzazione di un’opera pubblica e la certezza delle regole contribuiranno alla ripresa del mercato e all’incentivazione degli investimenti da parte dei privati, con la conseguente soluzione del deficit infrastrutturale e creazione di nuovi posti di lavoro”.

Lo ha dichiarato il presidente dell’Authority Luigi Giampaolino a seguito dell’emanazione delle ‘Linee guida sulla finanza di progetto dopo l’entrata in vigore del terzo decreto correttivo al codice dei contratti pubblici’ (D.Lgs. 152/2008).

“L’Autorità, vista la grave crisi economica in atto e la situazione di difficoltà del mercato dei lavori pubblici, che ha indotto il governo a varare provvedimenti speciali – ha continuato Giampaolino – ha fornito il proprio contributo producendo uno strumento di semplificazione e di chiarimento per l’applicazione delle nuove procedure di finanza di progetto”.

“Con questo documento l’Autorità ha ritenuto opportuno fornire alle amministrazioni ed alle imprese – ha specificato il Presidente dell’Authority – uno strumento operativo per risolvere problemi interpretativi riguardanti le nuove procedure del project financing e per le modalità di redazione degli studi di fattibilità”.

Con il documento l’Autorità di vigilanza sottolinea, infatti, la fondamentale importanza dello studio di fattibilità per il quale le linee guida suggeriscono che lo stesso “sia elaborato con la massima cura e completezza in modo da consentire ai privati di investire in progetti realizzabili in tempi rapidi e a costi certi”.

E precisa che nelle linee guida si chiariscono, inoltre, numerosi aspetti delle nuove procedure di gara, quali la fase della programmazione, i contenuti dei bandi, il sistema delle garanzie, le varie fasi di tutte le tipologie di gara.

L’Authority aggiunge che in seguito saranno date anche indicazioni in merito alla redazione dei bandi di gara ed alla applicazione del criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Linee guida sulla finanza di progetto dopo l’entrata in vigore del c.d. "terzo correttivo" (D.Lgs. 11 settembre 2008, n. 152)

Fonte: www.autoritalavoripubblici.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico