Questo articolo è stato letto 0 volte

Ascoli: la casa del futuro

ascoli-la-casadel-futuro.gif

La casa del futuro non produce ne` anidride carbonica (emissione zero di CO2) ne` bollette da pagare. E` autonoma sia per il riscaldamento che per il raffreddamento, sia per l’acqua che la luce. Non ha bisogno di tubi del gas. Addirittura per ogni tipo di energia impiegata, dal cancello all’interruttore della lampada in camera, al televisore o allo stereo, ha un controllo assoluto centralizzato. Si puo` accendere la lavatrice, regolare le tapparelle delle imposte, ordinare al computer che cosa e` opportuno staccare e in che ordine di priorita`, quando si arriva a sovraccarichi di consumo di energia. Cosi`, non solo non si rischia il black out ma il consumo e` costante e si risparmia parecchio. Tutto questo e` il progetto Leaf community di Enrico Loccioni, inaugurato ieri a Angeli di Rosora dall’assessore Ugo Ascoli (la Regione Marche e` infatti partner) insieme agli altri enti patrocinatori: Universita` Politecnica delle Marche, Banca Popolare, Whirlpool, Enel. ‘Ancona una volta le Marche sono all’avanguardia e la Regione e` fiera di essere partner in proposte del genere – ha detto Ascoli – Dalla nostra piccola e media impresa, nel caso il Gruppo Loccioni, da sempre alla frontiera della innovazione tecnologica avanzata, giungono segnali estremamente importanti per il nostro futuro. Si allarga in questa concezione di ‘leaf house’ la sperimentazione verso snodi cruciali sia per l’Italia che per le Marche. Infatti di energia abbiamo bisogno tutti e riuscire a innovare in modo cosi` efficace e redditizio e` fondamentale. Qui abbiamo un bell’esempio di come si puo` risparmiare l’energia e di come si puo` produrne di utile e pulita, a costi ridotti, sufficienti per l’abitazione normale e il vivere di una famiglia media, con un grande risvolto sociale, utile alla vita quotidiana. Non solo: aggiungerei che Loccioni e` riuscito anche nel piccolo miracolo di creare una partnership di tutto rispetto, quasi una multinazionale tascabile (come e` nel costume marchigiano) ma sui generis, con un esperimento ottimo di cooperazione fra diversi soggetti che sara` ripetuto, spero con il successo che meritano iniziative del genere, per il benessere di tutta la comunita`’. Ad Angeli di Rosora infatti il progetto sara` presto esteso a un intero comprensorio di nuova edilizia residenziale.

Fonte: www.regione.marche.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico