Questo articolo è stato letto 1 volte

Basilicata: nuovo Ospedale Unico del Lagonegrese

basilicata-nuovo-ospedale-unico-del-lagonegrese.gif

E’ stato sottoscritto il contratto che regola i rapporti tra la Regione e il RTI Cons Coop per la realizzazione del nuovo Ospedale Unico per Acuti del Lagonegrese.
La cerimonia si è svolta nella sala multimediale dell’Asl n. 3 dove erano presenti il presidente Vito De Filippo, l’assessore alle Infrastrutture ed Opere pubbliche Innocenzo Loguercio, il direttore generale dell’asl 3 Mario Marra, i sindaci del Lagonegrese e dirigenti regionali.

Il soggetto aggiudicatario ha sei mesi di tempo per procedere all’acquisizione delle aree (sei ettari in località Castagnareto in prossimità dello svincolo autostradale di Lagonegro Sud); per definire la progettazione esecutiva e per procedere all’approvazione dello stesso progetto da parte della conferenza di servizio.

I lavori dovrebbero iniziare nel gennaio 2009 e dovrebbero essere conclusi in 4 anni. Si tratta di periodi consecutivi comprensivi dei periodi invernali. Il progetto è stato affidato al RTI Cons Coop di Forlì sulla base di due elementi: la qualità progettuale e il prezzo più basso del costo di gestione, e del tempo di realizzazione. Il costo dell’intervento è di 60 milioni di euro di cui 40 a carico della Regione (fondi del Servizio sanitario nazionale) e 20 come quota di investimento del soggetto aggiudicatario che potrà ammortizzare l’intervento con la gestione dei servizi non ospedalieri e della manutenzione per 26 anni. Il costo annuale della gestione è stato stimato in 4,8 milioni di euro.

“Con la firma del contratto – ha detto il presidente della Regione Vito De Filippo – si compie un significativo passo in avanti nel processo di ristrutturazione sanitaria del Lagonegrese. Si elimineranno le duplicazioni (nel territorio esistono 4 ospedali per 80 mila abitanti), si realizzerà una struttura adeguata e verranno assicurati servizi efficienti. Il tutto nell’interesse del territorio e dei cittadini ai quali vanno garantiti qualificati livelli essenziali di assistenza. Questo risultato è stato possibile grazie al buon lavoro condotto dagli enti locali, alla buona strategia programmatoria della Regione e all’efficiente gestione dell’Asl del Lagonegrese. L’obiettivo della Regione è quello di costruire modelli sostenibili dal punto di vista economico e il disegno di legge che sarà già approvato dalla Giunta e che sarà esaminato dal Consiglio va in tale direzione, puntando alla riduzione di organismi inutili e al potenziamento dei servizi sanitari”.

In sintonia con il Presidente l’assessore alle infrastrutture Innocenzo Loguercio: “Si assicura al territorio un presidio ospedaliero importante e si sperimenta un modello integrato di risorse, pubblico-privato”. 
 

Fonte: www.basilicatanet.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico