Questo articolo è stato letto 34 volte

Beni culturali, iter amministrativi più brevi

beni-culturali-iter-amministrativi-pi-brevi.jpg

Pubblicato in G.U. il dpcm che, come previsto dalla l. 69/09, detta i nuovi termini di conclusione degli iter amministrativi con durata superiore a 90 giorni di competenza del ministero per i Beni culturali.

Si abbreviano i tempi, tra l’altro, per dichiarazione di vincolo culturale e autorizzazione all’esecuzione di interventi su immobili vincolati.

La Legge 69/2009 ha apportato importanti modifiche alla Legge 241/1990 per ridurre i termini di conclusione dei procedimenti amministrativi ed assicurare l`effettivita` del loro rispetto da parte delle amministrazioni.

In particolare la Legge 69/2009 ha sostituito integralmente l`art. 2 della Legge 241/1990 il quale, in tema di conclusione del procedimento amministrativo, stabilisce ora che i procedimenti di competenza delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali devono concludersi entro trenta giorni (anziche` novanta), a meno che disposizioni di legge o di regolamento prevedano un termine diverso.

Inoltre i termini fissati dalle amministrazioni non possono superare i novanta giorni, fatti salvi i casi di procedimenti di particolare complessita` che non possono comunque oltrepassare i centottanta giorni.

Pertanto, in attuazione di questa disciplina, e` stato emanato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 novembre 2010, n. 231 (G.U. n. 2 del 4 gennaio 2011) recante il regolamento sui nuovi termini dei procedimenti amministrativi del Ministero dei beni culturali aventi durata superiore a novanta giorni, in sostituzione di quelli fissati con il DM 495/1994.

Premesso che in generale i termini elencati nell`Allegato del DPCM 231/2010 vengono notevolmente ridotti rispetto al passato, si segnalano i seguenti procedimenti:

– dichiarazione di vincolo culturale ai sensi degli articoli 13 e 14 del Codice – 120 giorni (prima 210 giorni)

– autorizzazione all`esecuzione di interventi su immobili vincolati ai sensi dell`art. 21, comma 4 del Codice – 120 giorni (prima 210 giorni)

– imposizione del vincolo indiretto ai sensi degli articoli 45 e 46 del Codice – 120 giorni

–  dichiarazione di pubblica utilita` per l`espropriazione di beni culturali ai sensi dell`art. 95, comma 1 del Codice – 180 giorni

– determinazione del premio per ritrovamenti ai sensi dell`art. 93 del Codice – 180 giorni

– integrazione in via sostitutiva del contenuto dei vincoli paesaggistici ai sensi dell`art. 141 bis del Codice – 180 giorni

– approvazione in via sostitutiva dei piani paesaggistici sottoposti a verifica ed adeguamento ai sensi dell`art. 156, comma 1 del Codice – 180 giorni.

Fonte: Ance
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>