Questo articolo è stato letto 25 volte

Beni demaniali: le opportunità per i giovani vengono anche da qui

beni-demaniali-le-opportunit-per-i-giovani-vengono-anche-da-qui.jpg

Opportunità nel segno della novità e dell’innovazione: il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, ha illustrato agli studenti presso l’Infoday di Piacenza le possibilità che la vendita di immobili dello Stato offre ai giovani.

Terreni agricoli per gli under 40, università, oltre a sedi per le start-up: questi alcuni dei temi delineati da Reggi con riferimento alle opportunità derivanti dal nuovo utilizzo di questa particolare tipologia di immobili.

Il direttore dell’Agenzia del Demanio ha presentato alcuni dei progetti portati avanti dall’Agenzia, ciascuno dedicato alla valorizzazione di diverse tipologie di immobili dello Stato. Tra le operazioni pensate in maniera specifica per i giovani ci sono:
– il progetto Terrevive lanciato dal ministero dell’Agricoltura per la vendita di terreni pubblici per agevolare gli agricoltori under 40;
– il progetto Valore Paese-dimore, per l’utilizzo di immobili pubblici di pregio che si rivolge all’imprenditoria giovanile, attraverso la connessione tra istituzioni, università, imprese e cittadini.

Leggi anche l’articolo Federalismo demaniale: più di 5mila richieste approvate per immobili.

Reggi, nel corso del suo intervento, ha ricordato anche le importanti la misure prevista dallo “Sblocca Italia” che, con una nuova forma di federalismo demaniale, intende creare l’occasione di incontro fra domanda e offerta di immobili pubblici, finalizzata sia a contrastare l’emergenza abitativa nei Comuni che a stimolare start up di imprenditoria innovativa, spontaneamente interpretata dal mondo giovanile.

Fonte: Ansa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>