Questo articolo è stato letto 7 volte

Beni demaniali marittimi: i principi che disciplinano la concessione

beni-demaniali-marittimi-i-principi-che-disciplinano-la-concessione.jpg

Come si configura la procedura corretta per la concessione di un bene demaniale marittimo? A tale interrogativo ha risposto una sentenza del TAR Campania, sez. II Salerno, più precisamente la n. 553 del 10 marzo 2014, elencando i punti di riferimento normativi (soprattutto a livello comunitario) fondamentali per affrontare (a livello di principio) tale procedura.

A parere della giurisprudenza amministrativa prevalente “alle concessioni di beni pubblici di rilevanza economica e, tra queste, le concessioni demaniali marittime, poiché idonee a fornire un’occasione di guadagno a soggetti operanti nel libero mercato, si applicano i principi discendenti dall’art. 81 del Trattato UE e dalle Direttive comunitarie in materia di appalti, quali quelli della necessaria attribuzione mediante procedure concorsuali, trasparenti, non discriminatorie, nonché tali da assicurare la parità di trattamento ai partecipanti”.

Consulta la nostra Pagina speciale in materia di Beni demaniali.

Secondo tale filone giurisprudenziale il concetto che deve essere ribadito è il seguente: “I principi comunitari di trasparenza, di non discriminazione, di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi , espressi nel trattato dell’Unione Europea, sono direttamente applicabili (cd. “self-executing”) a prescindere dalla ricorrenza di specifiche norme comunitarie o interne che ne facciano applicazione”. In questa direzione è stato il TAR Calabria a pronunciarsi, attraverso la sentenza 23 novembre 2011, n. 833, in cui, in base a tali principi, si è escluso il diritto d’insistenza in capo a concessionari di beni del demanio marittimo adibiti ad uso turistico-ricreativo.

Per un focus analitico in materia di beni demaniali e patrimoniali suggeriamo la consultazione dell’approfondimento di dottrina redatto dalla nostra esperta autrice Antonella Mafrica, intitolato Quesiti risolti in materia di beni demaniali e patrimoniali del Comune (Parte III)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>