Questo articolo è stato letto 1 volte

Bologna, edilizia scolastica: un fondo da 30 milioni per 5 scuole

bologna-edilizia-scolastica-un-fondo-da-30-milioni-per-5-scuole.jpg

Valorizzare il patrimonio pubblico contribuendo a riqualificare gli edifici scolastici nel territorio comunale: è arrivato il via libera da parte della Giunta comunale di Bologna alla costituzione di un Fondo immobiliare per la realizzazione di 5 nuovi complessi scolastici, dalle scuole d’infanzia alle scuole secondarie di primo grado, per un totale di circa 1800 nuovi posti ed un investimento complessivo che si assesta sui 30 milioni di euro.

Un progetto innovativo
In una nota emessa dall’Amministrazione del capoluogo emiliano si delineano gli aspetti fondamentali di “un progetto fortemente innovativo di partenariato pubblico-privato, il primo in Italia che coniuga gli obiettivi di valorizzazione del patrimonio pubblico con quelli di ammodernamento e rigenerazione degli edifici scolastici. Un progetto che ha preso il via nel 2012 con la sottoscrizione del primo protocollo tra Comune di Bologna e Miur”.

Vai allo speciale di Ediliziaurbanistica.it in materia di edilizia scolastica.

I nuovi complessi scolastici
Con il via al Fondo immobiliare sono cinque nuovi complessi scolastici, interessati dal progetto: il nuovo polo scolastico di scuola primaria e secondaria di primo grado nel Quartiere Saragozza, area in via Felice Battaglia in sostituzione della scuola Carracci; il nuovo polo scolastico di scuole d’infanzia e primaria nel Quartiere Navile, già previsto nel Piano urbanistico approvato per l’area ex mercato ortofrutticolo; il nuovo polo scolastico per la scuola dell’infanzia e scuola primaria Tempesta nel Quartiere S. Vitale, via Martelli; la nuova scuola dell’infanzia nel Quartiere Savena, area Fossolo tra viale Felsina e viale Lenin e il nuovo polo scolastico di scuola primaria e secondaria di primo grado nel Quartiere Porto, all’interno dell’area demaniale ex militare Prati di Caprara est.

Le tempistiche
Per quello che riguarda le tempistiche, la pubblicazione dei bandi di gara sarà effettuata nei prossimi mesi, mentre per i concorsi di progettazione delle nuove scuole, le procedure si concluderanno il prossimo autunno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>