Questo articolo è stato letto 0 volte

Bologna, la città più “smart” d’Italia

bologna-la-citt-pi-smart-ditalia.jpg

È Bologna la città più smart d’Italia: questo il risultato che affiora dal report di Smart City Index, la classifica dei 116 Comuni capoluoghi di provincia italiani rivolta a pubblici e privati per implementare le politiche d’innovazione e lo sviluppo smart.

L’indice si propone di misurare il livello di “smartness” delle città, fornendo uno strumento dinamico, idoneo a misurare, conoscere e confrontare le differenti realtà locali, condensando “best practice” e facendo emergere dei modelli comuni. Questo viene fatto evidenziando 9 macro-aree tematiche a loro vola associate ad altrettanti indicatori, per un totale di 153 indici. Le suddette aree coinvolgono, tra gli altri, i temi dell’ICT, efficienza energetica, diffusione del wi-fi, mobilità alternativa, energie rinnovabili.

Lo Smart City Index incorona Bologna come il comune leader nel percorso di trasformazione in città intelligente non perché abbia tutte le innovazione necessarie, ma perché presenta innovazioni molto superiori alla media in quasi tutte le aree. Va sottolineato che tra i 116 Comuni capoluogo di provincia sono le grandi metropoli ad occupare le posizioni più alte in classifica, soprattutto grazie alla maggiore disponibilità di risorse sia economiche che tecnologiche.

Reggio Emilia si staglia come prima delle città “smart” di media dimensione (superiori a 80mila abitanti) raggiungendo il quarto posto nella classifica generale (dietro a Bologna, Milano e Roma) ad occupare il quarto posto in classifica, seguono poi Torino, Firenze, Brescia, Parma e Monza.

Tra i 54 Comuni di piccole dimensioni (meno di 80mila abitanti) presi in considerazione da Smart City Index pare essere la Lombardia a possedere il più alto numero di cittadine che veleggiano verso un approccio “smart”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>