Questo articolo è stato letto 1 volte

Bolzano, permuta con aree militari per lo sviluppo dei centri abitati

bolzano-permuta-con-aree-militari-per-lo-sviluppo-dei-centri-abitati.gif

“La realizzazione del poligono militare a Vadena costa alla Provincia circa 3 milioni di euro, un importo non paragonabile al valore delle superfici che otterremo in contropartita dallo Stato“: lo sottolinea l’assessore provinciale ai lavori pubblici Florian Mussner ricordando che del trasferimento alla Provincia di superfici militari dismesse beneficiano i Comuni e lo sviluppo sostenibile di molti centri dell’Alto Adige.

Anche la costruzione del poligono di Monte, che rientra nelle operazioni di permuta con lo Stato sulle aree militari, i vantaggi superano di gran lunga gli aspetti negativi: “Le tre intese siglate dalla Provincia con la Difesa tra il 2007 e il 2011 prevedono il passaggio alla Provincia di circa 30 ettari di superfici militari, e già i 300mila metri quadrati situati in posizione strategica in diversi centri storici danno l’idea dei vantaggi in termini di sviluppo del territorio”, aggiunge Mussner.

I Comuni infatti potranno sfruttare terreno prezioso in centro per fare spazio a infrastrutture importanti come scuole o edifici pubblici. “In tal modo potranno garantire uno sviluppo a lungo termine del tessuto urbano”, spiega Mussner.

Per accelerare questa permuta la Giunta provinciale ha già avviato l’iter che porterà a realizzazione progetti per 70 milioni di euro a partire dal 2012. “Sono già stati approvati e banditi lavori per 11,4 milioni di euro, ancora entro l’anno verranno messi a gara interventi per altri 50 milioni e sempre entro il 2011 si concluderà la progettazione di progetti per un importo di 16,3 milioni”, chiarisce Mussner. Lavori in loco che rappresentano inoltre un vero e proprio programma anticrisi per le imprese altoatesine.

Riguardo al progettato poligono nel comune di Vadena, l’assessore Mussner ribadisce ancora, come spiegato anche dai responsabili militari, che non avrà effetti negativi sulla zona: il progetto punta alla massima riduzione del rumore e a un minimo impatto ambientale. A chi infine sostiene che la Bassa Atesina sia un comprensorio penalizzato, l’assessore ricorda progetti come le circonvallazioni di Ora e di Laives, che significano miglioramento della qualità della vita per un’ampia area: “Abbiamo abbattuto ieri il diaframma della galleria nord di Ora, e la presenza di sindaci e amministratori del comprensorio ha confermato la bontà del progetto in cui la Provincia investe 70 milioni di euro.”

Lo stesso dicasi per le strutture di formazione e di educazione permanente, una su tutte la scuola superiore di agraria di Ora.

Fonte: Provincia Bolzano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>