Questo articolo è stato letto 20 volte

Bonifica Amianto edifici pubblici: i finanziamenti in G.U.

bonifica-amianto-edifici-pubblici-i-finanziamenti-in-g-u.gif

È stato pubblicato ieri sera in Gazzetta Ufficiale il Comunicato del Ministero dell’ambiente nel quale si dà notizia del bando con cui è indetta la procedura pubblica (destinata agli enti di cui all’art. 1,  comma  2, del decreto legislativo 165/2001) per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto, in base al decreto del Ministero dell’ambiente del 21 settembre 2016, con riferimento al 2016.

Consulta il comunicato che contiene il bando per la bonifica amianto negli edifici pubblici.

Il finanziamento contribuisce a coprire i costi di progettazione preliminare e definitiva degli interventi, anche mediante copertura di corrispettivi a base di gara per l’affidamento di tali servizi, fino a un massimo di 15mila euro. L’oggetto dell’intervento potranno essere edifici e strutture di proprietà degli enti destinate allo svolgimento delle attività dell’ente o di attività di interesse pubblico.

Ogni ente potrà presentare una richiesta di finanziamento ma l’intervento potrà riguardare anche più edifici, nel rispetto del limite complessivo di 15mila Euro previsto (art. 1, comma 2 del bando).

L’intervento presentato dovrà contenere:
– la relazione tecnica asseverata da professionista abilitato con destinazione d’uso dei beni o dei siti sede dell’intervento;
– la localizzazione e la destinazione d’uso dei manufatti con l’amianto;
– la tipologia, la quantità e lo stato di conservazione dei materiali;
– le modalità di intervento di bonifica;
– la stima dei lavori da eseguire con dettaglio dei costi di progettazione;
– il cronoprogramma orientativo delle attività, con le fasi progettuali.

Per approfondire il tema consulta il nuovo e-book di Maggioli Editore intitolato Bonifica Amianto: le procedure per gli interventi e le detrazioni. Si tratta di una guida operativa alle pratiche necessarie e alle detrazioni fiscali relative agli interventi di bonifica dell’amianto da abitazioni, uffici, capannoni e manufatti edilizi in genere. Nell’opera sono illustrate le istruzioni per la corretta procedura da seguire per le opere di rimozione dell’amianto e per lo sfruttamento delle detrazioni fiscali o degli incentivi previsti per il settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>