Questo articolo è stato letto 0 volte

Bonifica del territorio in Toscana

bonifica-del-territorioin-toscana.gif

La Regione Toscana ha supervisionato e approvato l’accordo tra il Comune di Abbadia San Salvatore (Si) e Eni per la bonifica dell’ex area mineraria.

In quella che era una delle più grandi miniere di cinabro (solfuro di mercurio) del mondo sorgeranno strutture turistico-ricettive, aree artigianali, uffici, oltre a nuove strutture del Parco archeo-minerario di Abbadia.

Un’operazione dal costo di oltre 18 milioni di euro, un intervento complesso che riguarda 7 ettari da bonificare, 65 immobili compresi nell’area mineraria, 55 ettari di terreni e boschi circostanti.

«Ecco un esempio positivo – ha detto l’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini – che segue un modello già sperimentato in altre zone minerarie della Toscana.
L’esempio di come una miniera dismessa, un’area inquinata da mercurio possa diventare un volano di sviluppo per il territorio.

Siamo davanti ad un accordo innovativo, che vede ENI cedere al Comune la concessione mineraria relativa alla miniera di Abbadia ed i relativi oneri di bonifica, ma si impegna a trasferire all’amministrazione locale ben 18.100.000 euro per consentire il ripristino del territorio.

Si tratta di un accordo importantissimo, quasi un progetto ‘pilota’, visto che si tratta della bonifica di un’area industriale situata in pieno centro urbano, un’operazione che consentirà una valorizzazione dell’area e che potrà rilanciare anche la promozione del Parco minerario».

Grazie all’accordo trovato tra Eni e gli enti locali, la miniera e le strutture ad essa collegate non saranno rase al suolo, ma gli immobili saranno conservati, il patrimonio storico-culturale sarà preservato ed il Comune di Abbadia avrà a sua disposizione, per consentire lo sviluppo del territorio, un notevole patrimonio immobiliare ed una vasta area verde.

«Dopo tanti anni – ha aggiunto il sindaco di Abbadia San Salvatore, Lorenzo Avanzati – finalmente si è giunti ad un accordo che porterà al recupero ambientale di un patrimonio architettonico e storico-culturale di fondamentale importanza per il futuro di Abbadia SS.

La miniera ha determinato la vita del paese per oltre cento anni, ed oggi ripartiamo dalla miniera per dare nuovo impulso allo sviluppo del paese, attraverso il Parco museo delle miniere, la promozione turistica e la valorizzazione dell’artigianato tipico».

Fonte: www.regione.toscana.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico