Questo articolo è stato letto 0 volte

Bonus 55% non cumulabile con altri incentivi

bonus-55-non-cumulabile-con-altri-incentivi.gif

Dal 1° gennaio 2009, chi effettua interventi sugli immobili finalizzati al risparmio energetico si trova di fronte a un bivio: usufruire della detrazione dall’Irpef del 55% relativa alle spese sostenute o beneficiare di eventuali incentivi comunitari, regionali o locali, riconosciuti per i medesimi interventi.

Non è possibile cumulare però il bonus fiscale con le agevolazioni previste dalla legge 23/2002 della Regione Piemonte, destinate appunto a promuovere le iniziative dirette alla “sostenibilità” del patrimonio edilizio piemontese.

A ribadirlo è l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 3/E del 26 gennaio, rispondendo a un quesito dell’amministrazione regionale.
 
Sia lo Stato, sia la Comunità europea, sia le Amministrazioni locali a tutti i livelli hanno dato vita a varie forme di agevolazioni per favorire l’adeguamento del patrimonio edilizio a standard di più elevata efficienza energetica.

Quest’attività legislativa intensa ha in qualche modo contribuito al mutamento del quadro normativo nazionale.

In poco più di un anno, si è passati da una previsione di compatibilità tra detrazione fiscale del 55% e altre tipologie di aiuti (decreto ministeriale 19 febbraio 2007, articolo 10, comma 2) all’incumulabilità tra le diverse agevolazioni (decreto legislativo 115/2008).

Un cambio di rotta determinato dal recepimento e successiva attuazione della direttiva comunitaria 2006/32/Ce relativa, appunto, all’efficienza energetica.
 
Nel documento di prassi si fa riferimento, in particolare, al punto in cui si dice che “a decorrere dal 1 gennaio 2009 gli strumenti di incentivazione di ogni natura attivati dallo Stato per la promozione dell’efficienza energetica, non sono cumulabili con ulteriori contributi comunitari, regionali o locali, fatta salva la possibilità di cumulo con i certificati bianchi e fatto salvo quanto previsto dal comma 4”.

 Si tratta dell’articolo 6, comma 3 del Dlgs 115/2008 ed è la disposizione chiamata in causa dalla stessa Amministrazione regionale proprio per la parte che contiene la deroga.

In sostanza, gli incentivi messi a disposizione dalla legge “piemontese”, non essendo erogati in conto capitale e non potendo ridurre l’entità dei costi sostenuti per gli interventi di riqualificazione, rientrerebbero nelle eccezioni.
 
A chiarire la portata della norma in questione è intervenuto anche il ministero dello Sviluppo economico, sottolineando che per “ulteriori contributi comunitari, regionali o locali” si intende l’erogazione di somme sia in forma diretta (destinate a incidere sull’importo della spesa) sia indiretta (agevolazioni di altra natura, ad esempio, finanziamenti agevolati).

Poiché il bonus del 55% è riconducibile fra “gli strumenti di incentivazione di ogni natura attivati dallo Stato”, il contribuente che, dal 1° gennaio 2009, sostiene spese per interventi di riqualificazione energetica deve necessariamente scegliere tra la detrazione o la fruizione di eventuali incentivi comunitari, regionali o locali.

 Fonte: Nuovo Fisco Oggi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>