Questo articolo è stato letto 0 volte

Cappellacci (Sardegna): “Più risorse per il Patto dei Sindaci”

cappellacci-sardegna-pi-risorse-per-il-patto-dei-sindaci.jpg

Il Patto dei Sindaci come piattaforma attraverso cui edificare brani di futuro nel nome dell’efficienza e del risparmio energetico. È la visione di Ugo Cappellacci, Presidente della Regione Sardegna, il quale, come membro della Commissione energia, ambiente, cambiamenti climatici (Enve) del Comitato delle Regioni dell’Unione Europea, ha richiesto più risorse per rilanciare il Patto come rete per l’attuazione capillare delle scelte europee in materia di risposta ai cambiamenti climatici.

“Il Patto dei Sindaci – ha poi spiegato il Presidente – rappresenta un esempio di quelle buone prassi che devono essere paradigmatiche del modo di agire delle istituzioni al fine di tradurre in concreto nei territori le scelte condivise sul piano europeo. Abbiamo accolto favorevolmente l’impegno dell’Unione Europea a destinare almeno il 20% del quadro finanziario 2014-2020 all’aumento degli investimenti per la risposta ai cambiamenti climatici, delle risorse per la ricerca e il potenziamento di misure come Orizzonte 2020, Life+ e il programma di sviluppo rurale: è fondamentale – ha continuato – che sia assicurato il massimo coinvolgimento delle comunità locali”.

Leggi altre notizie inerenti alla tematica nella sezione Guidambiente, su Ediltecnico.it.

Cappellacci si è poi soffermato sul territorio da lui governato, la Sardegna, affermando che l’Isola “è entrata nel vivo dei percorsi avviati con il Patto dei Sindaci, Smart City e con Sardegna CO2.zero: i Piani di Azione per l’Energia Sostenibile (Paes) redatti dalle comunità pioniere con il supporto della Regione sono l’embrione di un radicale cambiamento a misura d’uomo che deve coniugare lo sviluppo con la qualità della vita. Per questo – ha concluso – occorre assicurare anche per il futuro le risorse e l’attenzione dedicate in questi anni ad una misura fondamentale per le nostre comunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>