Questo articolo è stato letto 1 volte

Comuni danneggiati da attività industriale: il bando MIBACT

comuni-danneggiati-da-attivit-industriale-il-bando-mibact.jpg

E’ disponibile online il bando a sostegno di arte e cultura nelle comunità dove l’attività industriale ha causato danni all’ambiente. A promuovere tale iniziativa è il Ministero dei beni culturali in collaborazione con il Ministero dell’ambiente e sorge su impulso della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati.

Obiettivo: sostegno ai Comuni
A tal proposito il ministro Dario Franceschini ha precisato: “L’idea è quella di sostenere iniziative che coniugano cultura, creatività e coesione sociale in piccoli Comuni che vivono grandi criticità. In realtà locali che hanno di fronte la difficile sfida del risanamento ambientale vogliamo premiare esperienze di partecipazione e cittadinanza attiva che partono dal basso”.

137 Comuni nei siti di interesse
“Oggi – ha spiegato il ministro Gian Luca Galletti – sono 137 i Comuni sotto i 5mila abitanti che ricadono nei Siti di Interesse Nazionale oggetto delle nostre attività di bonifica: luoghi pieni di storia e di identità che devono essere rilanciati puntando sul binomio vincente Ambiente-Cultura”. “Si tratta di Comuni che hanno pagato un prezzo altissimo allo sviluppo industriale postbellico ed è importante indicare, a fianco del necessario percorso di bonifica dei siti contaminati, dei segnali positivi per il futuro”.

Al bando possono partecipare i Comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti inseriti nei Siti di Interesse Nazionale. Ci si può iscrivere fino al 16 marzo 2017.

>> Consulta il bando qui

>> Testo e modalità di partecipazione sono invece disponibili qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>