Questo articolo è stato letto 67 volte

Condominio: la valutazione giudiziale del decoro architettonico

condominio-la-valutazione-giudiziale-del-decoro-architettonico.jpg

Il decoro architettonico è un concetto che assume necessario rilievo in ambito condominiale: ai sensi dell’art. 1138, comma 1, codice civile, nel regolamento di condominio non possono mancare le clausole volte alla tutela del decoro architettonico del caseggiato. In questo articolo ci si focalizza sulla valutazione giudiziale del concetto di decoro.

Quest’ultimo si configura alla stregua di un bene suscettibile di valutazione economica, nel senso che un’alterazione dello stesso può determinare un deprezzamento dell’intero fabbricato.

In conseguenza di tale concetto, poiché la tutela del decoro architettonico è stata apprestata dal legislatore in considerazione della diminuzione del valore che la sua alterazione arreca all’intero edificio (e pertanto anche alle singole unità immobiliari che lo compongono), il giudice del merito, per stabilire se in concreto ci sia stata lesione di tale decoro, oltre ad accertare se esso risulta leso o turbato dall’esecuzione della nuova opera, deve anche valutare se tale lesione o turbamento determini o meno un deprezzamento dell’intero fabbricato, essendo lecito il mutamento estetico che non cagioni un pregiudizio economicamente valutabile o che, pur arrecando tale pregiudizio, si accompagni, per l’intero edificio, ad un’utilità la quale compensi l’alterazione architettonica che non sia di grave e appariscente entità.

Tuttavia quando la modifica al decoro si configura obiettivamente rilevante, nel pregiudizio estetico deve ritenersi insito anche il pregiudizio economico, con la conseguenza che non sussiste un obbligo del giudice di motivare espressamente sul punto: tale valutazione effettuata dal giudice di merito, se correttamente realizzata, non è assoggettabile al sindacato di legittimità.

Del resto, la sentenza che affermi o meno l’esistenza di detta alterazione è censurabile in sede di legittimità solo per vizio di motivazione sul punto.

Per una visione completa di tutte le problematiche relative al decoro architettonico, con specifico riferimento ai balconi in ambito condominiale Maggioli Editore consiglia la guida pratica in formato e-book intitolata I balconi in condominio, firmata dall’esperto autore Giuseppe Bordolli. L’e-book analizza i principali problemi relativi ai balconi in condominio, con puntuale riferimento a lavori da eseguire, decoro architettonico, spese e regolamenti condominiali, prendendo in considerazione i più importanti orientamenti della giurisprudenza sull’argomento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>