Questo articolo è stato letto 0 volte

Condono edilizio, il no secco degli Architetti

condono-edilizio-il-no-secco-degli-architetti.gif

Il Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori esprime la propria preoccupazione per  il fatto che il Parlamento  abbia approvato e che il sottosegretario Giorgetti, a nome del Governo, abbia accettato ufficialmente un ordine del giorno volto a  realizzare un condono edilizio per tutti gli abusi realizzati fino al 31 dicembre dell’anno scorso per una volumetria non superiore al 25/% dell’esistente anche se non aderente alla costruzioni originaria.

Per gli architetti italiani è estremamente grave che la necessità di recuperare risorse economiche per fare fronte alla grave crisi economica e finanziaria  induca l’Esecutivo ad intraprendere la pericolosa strada del condono che premia abusivismo, malaffare e  criminalità.

Non si comprende perché, quasi ad ogni provvedimento finanziario, venga rispolverato questo  nefasto provvedimento che ha, tra le altre conseguenze, quella di contribuire alla devastazione del paesaggio nazionale colpendo, così,  una delle ricchezze italiane che più dovrebbe  essere valorizzata.

Gli architetti italiani esprimono quindi la loro contrarietà nei confronti di tale ipotesi, auspicando che le forze politiche di maggioranza e di opposizione condividano delle misure di rilancio dell’economia che, invece, partano proprio dalla valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale, edilizio e territoriale del nostro paese.

 Fonte: Cnappc

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>