Questo articolo è stato letto 3 volte

Consumo di suolo, incentivare demolizioni e ricostruzioni per migliorie

consumo-di-suolo-incentivare-demolizioni-e-ricostruzioni-per-migliorie.jpg

Premiare il recupero urbano e incentivare gli interventi di riqualificazione, come demolizione e ricostruzione, per tutelare il territorio e migliorare le condizioni di vita nelle città. L’Anci condivide pienamente l’obiettivo della proposta di legge del Governo per la salvaguardia del territorio contenendo l’espansione urbana.

In particolare ci si trova d’accordo sul fatto che con provvedimenti normativi debbano essere vincolate le destinazioni degli oneri di urbanizzazione e limitato il consumo di suolo.

Ha dichiarato il delegato Anci all’Urbanistica Andrea Ferrazzi: “Tuttavia, l’effetto ghigliottina con cui sembra si voglia intervenire rischia di mettere in gravissima difficoltà i bilanci di tutti i comuni che, come previsto dalla legge, specie in un quadro di drastica riduzione dei trasferimenti, hanno utilizzato tali proventi a copertura di servizi essenziali”.
Quindi è necessaria una modifica dell’articolo in questione, con il regime vigente.

Così una moratoria su tutti gli interventi che prevedono consumo di suolo oggi previsti da strumenti urbanistici esecutivi rischierebbe di esporre i Comuni ad azioni risarcitorie da parte dei proprietari di aree tassate fino ad oggi come edificabili ma di fatto non fruibili come tali per un vincolo di legge. Pertanto Anci chiede di correggere questa parte”. Inoltre, prosegue Ferrazzi, “la volontà di porre una sorta di salvaguardia attraverso la previsione di una moratoria fino all’approvazione di un Decreto ministeriale è condivisibile, ma la formulazione desta grande preoccupazione”.

La formulazione desta grande preoccupazione. Questo non ci fa ben sperare.

Prosegue il Ferrazzi: “Infatti, nel momento in cui sono fatti salvi solo i procedimenti istruttori relativi a procedimenti edilizi in corso alla data di entrata in vigore della norma, vengono incisi i diritti acquisiti non solo in forza delle previsioni contenute nei piani regolatori generali, ma addirittura le stesse previsioni contenute negli strumenti urbanistici esecutivi che, specie se assistiti da convenzioni stipulate, configurano un’obbligazione di natura contrattuale in capo ai Comuni”.

E conclude: “La necessità di prevedere modalità attuative che non comportino oneri procedurali, progettuali ed amministrativi aggiuntivi per i Comuni. E’ necessario aprire un confronto dinamico per raggiungere l’obiettivo da tutti condiviso di regolare l’utilizzo del suolo ai fini di favorirne la rigenerazione e limitarne il consumo. Per questo chiediamo una rivisitazione del disegno di legge, tale da consentire una reale efficacia degli obiettivi che si pone, e su questo l’Anci è disponibile a confrontarsi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>