Questo articolo è stato letto 0 volte

Costi Consumi elettrici in Puglia: uno studio per minimizzarli

costi-consumi-elettrici-in-puglia-uno-studio-per-minimizzarli.gif

L’Assessore Barbanente e il Presidente dell’ARTI prof. Viesti hanno partecipato ieri al Consiglio di Amministrazione dell’Università di Bari per discutere finalità e contenuti di un Protocollo d’intesa in attuazione della delibera con la quale il CdA aveva dato mandato al Comitato per le politiche dei consumi e risparmio energetico – coordinato dal prof. Perrone – di effettuare uno studio di prefattibilità sull’installazione di impianti fotovoltaici per la conversione dell’energia solare in energia elettrica, al fine di minimizzare i costi dei consumi elettrici dei plessi universitari con particolare riferimento a quattro di essi: il campus, la sede centrale dell’Università, le facoltà di Economia e Veterinaria.

La valenza dell’iniziativa va oltre tale importante obiettivo, inquadrandosi nella politica regionale di promozione e incentivazione della sostenibilità energetico-ambientale nelle opere edilizie, pubbliche e private, nel rispetto dei principi fondamentali in materia di risparmio delle risorse naturali, riduzione delle varie forme di inquinamento, prima fra tutte quella legata alla produzione di gas serra, e salubrità degli ambienti di vita e di lavoro.

Il contributo dell’ARTI si inserisce nell’ambito di un più ampio studio di fattibilità in corso sull’innovazione energetica in Puglia e delle iniziative di stimolo alla realizzazione di progetti comuni fra imprese, università, enti pubblici e diffusione della conoscenza attraverso specifiche azioni di animazione territoriale.
Il Rettore e il CdA hanno condiviso le finalità e i contenuti dello studio rilevandone i più ampi benefici sociali consistenti nella replicabilità per altri edifici universitari e comunque di interesse pubblico e nella valenza didattica e formativa nei confronti degli studenti e del personale interno dell’Università degli Studi di Bari.

Fonte: www.regione.puglia.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico