Questo articolo è stato letto 1.363 volte

Costruzione tettoia, le distanze da rispettare

costruzione-tettoia-le-distanze-da-rispettare.jpg

Per costruire una tettoia è necessario chiedere l’autorizzazione al Comune: senza il permesso a costruire, la tettoia risulta abusiva. Tuttavia le tettoie piccolissime – quelle che coprono lo spazio necessario a non farsi bagnare dalla pioggia quando si entra in casa – possono essere eseguite senza alcun permesso.

Chi ha costruito una tettoia abusiva deve demolirla se non vuole subire un processo penale per abuso edilizio. Risulta possibile chiedere la sanatoria della tettoia abusiva, solo se la costruzione è già in regola con il piano regolatore urbano e se l’opera è “abusiva” solo perché non è stata chiesta l’autorizzazione al Comune per dimenticanza. Se invece, il Comune non avrebbe mai dato l’autorizzazione, perchè la tettoia è contraria agli strumenti urbanistici, non si può mai chiedere la sanatoria.

La tettoia costruita su un condominio deve rispettare requisiti precisi, anche se ha l’autorizzazione dal Comune. Non deve:
– pregiudicare la stabilità dell’edificio;
– pregiudicare il decoro architettonico dell’edificio;
– violare le norme sulle distanze minime.

Tra tettoie, quali distanze ci devono essere? Le distanze minime tra tettoie (tre metri) si calcolano prendendo come punti di riferimento le tettoie, ma solo se sono in regola con le autorizzazioni amministrative. Se la tettoia è illegale, bisogna prendere la misura dal muro della casa cui la tettoia è ancorata. Se anche il vicino ha, a sua volta, una tettoia, la distanza minima tra le due tettoie deve essere di tre metri.

Se il vicino di casa ha costruito una tettoia senza chiedere il permesso edilizio, per calcolare la distanza non bisogna tenere conto della tettoia abusiva: va calcolata dalle pareti.

Se uno dei due vicini ha già costruita, l’altro non può farlo se, costruendo la sua, la distanza tra le due tettoie si riduce ridursi a meno di tre metri. Se ci sono le tettoie, la distanza minima di 3 metri, che deve sempre esserci, si calcola non dalla muratura delle due abitazioni, ma dall’ultimo centimetro delle tettoie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>