Questo articolo è stato letto 0 volte

Costruzioni, la crisi economica non risparmia il settore

costruzioni-la-crisi-economica-non-risparmia-il-settore.gif

L’Associazione nazionale dei costruttori edili ha diffuso una nota a commento dei dati ISTAT sui conti economici trimestrali relativi al secondo trimestre 2009.

L’Ance fa notare come i dati confermino le difficoltà dell’economia italiana: il pil nel secondo trimestre 2009, secondo l’Istat, registra una flessione del 6% nel confronto con il secondo trimestre 2008 (-6% nel primo trimestre 2009).

“La crisi non sta risparmiando il settore delle costruzioni – prosegue l’associaizone -. Nel secondo trimestre 2009, gli investimenti in costruzioni si riducono in termini reali nella misura dell’8,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-8,1% nel primo trimestre 2009). Il calo si riflette sia nella componente abitativa (-7,7%) che in quella non residenziale (-8,4%)”.

Complessivamente nel periodo gennaio-giugno 2009 i livelli produttivi del settore risultano diminuiti dell’8,1% nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente.

I dati elaborati dall’Istat appaiono come tendenza in linea con quanto l’Ance aveva stimato a giugno scorso.

Le stime Ance, elaborate sulla base dei risultati dell’indagine svolta presso le imprese associate, indicano che gli investimenti in costruzioni (al netto dei costi per trasferimento di proprietà) a fine 2009 saranno il 10,9% in meno rispetto al 2008 dopo il calo del 2,3% del 2008 rispetto all’anno precedente.

Includendo l’effetto “piano casa”, gli investimenti in costruzioni risulterebbero nel 2009 in calo dell’8,5% in quantità.

Indice trimestrale della produzione nelle costruzioni
Oltre ai dati relativi agli investimenti in costruzioni, che costituiscono uno degli aggregati dei conti economici nazionali, l’Istat elabora, da alcuni anni, un indice trimestrale della produzione nelle costruzioni (indicatore previsto dal Regolamento del consiglio europeo sulle statistiche congiunturali).

L’indice elaborato dall’Istat prende a riferimento due componenti e cioè le ore lavorate (rilevate presso le Casse Edili) ed il consumo dei principali materiali impiegati nelle costruzioni (rilevato dall’Istat attraverso l’indagine sul fatturato delle imprese).

L’indice della produzione nel settore delle costruzioni, diffuso il 9 settembre , evidenzia nel secondo trimestre 2009 un calo dell’11,5% rispetto allo stesso periodo del 2008, dopo un primo trimestre caratterizzato da una diminuzione tendenziale pari al 14,2%.

Complessivamente, fa notare l’Ance, nel corso del primo semestre 2009 si registra una flessione del 12,8% nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente.

L’Ance ha avviato nei giorni scorsi una nuova indagine presso le imprese associate i cui risultati saranno pubblicati nell’Osservatorio Congiunturale sull’industria delle costruzioni di ottobre.

Fonte: Ance

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>