Questo articolo è stato letto 5 volte

Demanio, altri 4 progetti di riqualificazione urbana in grandi città

demanio-altri-4-progetti-di-riqualificazione-urbana-in-grandi-citt.jpg

Prosegue il percorso dei progetti di valorizzazione e rifunzionalizzazione dei beni demaniali nel nostro paese: sono in rampa di lancio infatti quattro progetti relativi ad immobili pubblici a Torino, Padova, Trieste e Piacenza.

Si tratta di un effettivo progetto di rifunzionalizzazione di immobili strategici per le città, finalizzato allo sviluppo dei territori e al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica.

Gli accordi saranno ufficializzati imartedì prossimo, 9 dicembre a Piacenza mediante la firma del direttore dell’agenzia Demanio, Roberto Reggi, e dei sindaci dei Comuni coinvolti. Non mancherà alla cerimonia di firma anche una rappresentanza del Ministero della Difesa, soggetto fondamentale di numerosi processi di rigenerazione e riqualificazione urbana, al momento che numerose sono le ex caserme inserite nelle procedure di conversione e valorizzazione.

Ma in che modo è possibile utilizzare e valorizzare i beni demaniali nel nostro paese? Per una visione d’insieme sul materia consulta la nostra Pagina speciale sui Beni demaniali.

Con particolare riferimento all’articolazione piacentina dell’intesa, si fa riferimento alla valorizzazione di 12 immobili del Demanio all’interno del Comune di Piacenza: questi ultimi sono inseriti nel Psc. Il Comune attraverso questo accordo sarà partner dell’operazione e, in caso di vendita a soggetti pubblici o privati dei beni valorizzati, potrà incassare una quota variabile dal 5 al 15% del valore di vendita degli immobili.

Nel frattempo giungono altre novità in materia di federalismo demaniale: è stato appena annunciato dall’Agenzia del Demanio il riesame di una serie di domande di passaggio gratuito ai comuni di immobili dello Stato: queste domande erano state respinte ma potrebbero essere accolte ora in extremis.    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>