Questo articolo è stato letto 370 volte

Demolizione e ricostruzione a distanza di tempo: ristrutturazione edilizia o nuova costruzione?

Ristrutturazione edilizia o nuova costruzione?

Come è noto, l’art. 3 comma 1 lett. f) del Testo Unico Edilizia(1) ricomprende nell’ambito degli interventi di ristrutturazione ediliziaanche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente(2). Sebbene la norma non lo specifichi espressis verbis, sembra ragionevole ritenere che la demolizione e la ricostruzione devono intendersi come due fasi distinti di un unico intento edificatorio, fra loro strettamente connessi e consequenziali e temporalmente vicini.
Un aspetto che può far sorgere dei dubbi all’operatore dell’ufficio tecnico comunale riguarda proprio l’aspetto temporale dei due interventi: in particolare, è possibile ritenere che si è dinanzi ad un intervento di ristrutturazione nel caso in cui il proprietario abbia prima demolito l’immobile preesistente e poi, a distanza di mesi, richieda un titolo edilizio per la ricostruzione?
La questione non è affatto secondaria, vista la necessità di verificare il titolo edilizio utile al caso concreto (SCIA, nel caso della demolizione e ricostruzione; permesso di costruire, in caso contrario) ed il rispetto di eventuali prescrizioni in ragione della corretta qualificazione dell’intervento edilizio.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico