Questo articolo è stato letto 0 volte

Destinazione di un’area: Comune vs privati

destinazione-di-unarea-comune-vs-privati.gif

In generale le scelte operate da una amministrazione comunale nella formazione di un nuovo piano regolatore relativamente alla destinazione urbanistica delle aree non necessita di apposita motivazione oltre quella che puo` evincersi dai criteri generali seguiti nell`impostazione del piano.

Con la sentenza n. 8946 del 17 settembre scorso il Tar Lazio ha rilevato che incombe un obbligo di specifica motivazione nel momento in cui la nuova destinazione impressa ad un`area vada ad incidere in senso peggiorativo anche sull`affidamento creato in capo al privato.

Il cambio di destinazione di un`area deve essere sorretto da adeguata giustificazione in ordine ai motivi sottesi a tale scelta specie laddove da questa modifica possa derivare un pregiudizio in capo a soggetti privati che vantano una posizione di affidamento qualificata.

Secondo i giudici, ferma restando la discrezionalita` amministrativa, l`amministrazione locale deve essere sempre in grado di dimostrare le ragioni che sono alla base delle scelte adottate.

Fonte: Ance
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>