Questo articolo è stato letto 0 volte

Detrazione 55% sale al 65% e quella al 50% slitta a fine 2013

detrazione-55-sale-al-65-e-quella-al-50-slitta-a-fine-2013.jpg

Dopo il Consiglio dei Ministri di oggi arriva la conferma con una sorpresa. La detrazione 55% per interventi di risparmio energetico (il c.d. Ecobonus) sale al 65% fino al 31 dicembre 2013 (o fino al 30 giugno 2014 per interventi di riqualificazione importanti). Slitta a fine anno anche la scadenza della Detrazione 50% per lavori di ristrutturazione. Viene così allungato il periodo utile per usufruire delle agevolazioni fiscali che, altrimenti, sarebbero state “assorbite” dalla meno conveniente Detrazione 36% a partire dal 1° luglio 2013.

Nel caso di privati il cosiddetto eco-bonus è esteso al secondo semestre del 2013, nel caso di condomini per 12 mesi, ha spiegato il ministro. La detrazione 50% sulle ristrutturazioni semplici è prorogata fino a dicembre e viene estesa ai “mobili fissi compresi nella muratura”, ha aggiunto Zanonato.

Il nodo della copertura finanziaria mancante non è stato smentito. Semplicemente, stando alle parole di Fassina, per il 2013 il problema non esiste. Si tornerà a parlare dunque del tema delle risorse a partire dal 2014 quando, secondo il presidente della Commissione Finanze della Camera, Giorgetti, l’ulteriore proroga alla Detrazione 55% e 50% potrebbe portare a un aggravio sul Bilancio dello Stato di circa 7 milioni di euro, aggravio destinato ad aumentare se la misura dovesse diventare strutturale.

Leggi il testo del Decreto legge sulla proroga della Detrazione 65% (si tratta di una bozza non ancora in vigore).

Il provvedimento approvato recepisce la direttiva 2010/31/UE e che mira a favorire la riqualificazione e l’efficienza energetica del patrimonio immobiliare italiano. Il nuovo decreto legge sulla Detrazione 65% si pone cinque obiettivi, così sintetizzabili:
1.
la promozione del miglioramento della prestazione energetica degli edifici;
2.
lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici;
3.
il sostegno alla diversificazione energetica;
4.
la promozione della competitività dell’industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico;
5.
il conseguimento degli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.

Per saperne di più vai allo speciale Ecobonus Detrazioni 65% su Ediltecnico.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>