Questo articolo è stato letto 0 volte

Difesa e recupero ambientale in Calabria

difesa-e-recupero-ambientale-in-calabria.gif

Per affrontare concretamente i problemi ambientali del crotonese, l’assessore regionale all’Ambiente Silvio Greco ha rimarcato l’intenzione dell’esecutivo regionale “di non mantenere ‘ambienti negati’ e di definire termini certi per un’azione di sanificazione, nel rispetto della vita, umana e ambientale”.

“Stiamo lavorando – ha aggiunto l’assessore- tenendo anche conto dei dati esistenti, del lavoro che, contemporaneamente, stanno portando avanti la Task force, l’Arpacal, la Provincia ed il Comune di Crotone, per arrivare ad avere una situazione chiara dei dati dal punto di vista scientifico. Per sapere, poi, quali e quanti sono e qual è stata la distribuzione dei materiali inquinanti nel tempo. Per fare questo ci siamo rivolti al sapere accademico”.

Si è svolto recentemente il primo incontro ufficiale del gruppo di ricerca,  “Pitagora”, e del quale fanno parte i professori Focardi, Saggiamo, Roberto Donovaro dell’Università Politecnico delle Marche, Angelo Cao dell’Università di Cagliari, Benedetto De Vivo dell’Università di Napoli, Giovanni Sindona e Gino Mirocle Crisci dell’Università della Calabria e Mario Sprovieri dell’Istituto ambiente marino costiero del Cnr.

Il gruppo sarà coordinato dall’assessore Greco attraverso una segreteria speciale ed in concertazione con gli assessori alle attività produttive, Francesco Sulla ed alla Tutela della salute, Vincenzo Spaziante, della Sanità, e con tutti gli altri uffici regionali.

“Per fine settimana – ha detto Greco – avremo già un primo progetto di dettaglio delle analisi di tutte la matrici conservative. Vogliamo capire – ha spiegato – a destra e sinistra del sito Pertusola, in mare e in terra com’è realmente la situazione delle matrici, anche alimentari, tenendo presente il fattore migrazione”.

Sulla necessità di recuperare terreni da riutilizzare a fine produttivi, l’assessore Sulla ha detto che “c’è un progetto presentato al Ministero delle Attività Produttive che prevede un finanziamento di 500 milioni di euro per Crotone e di 50 milioni per Saline”.

Per quanto riguarda la bonifica, Sulla ha affermato che “la proposta di Eni è stata respinta dalla Regione, la quale ne presenterà una alternativa".

Il professore Focardi si è soffermato sul fattore della tossicità “per la quale – ha evidenziato – è necessario sviluppare una tecnica che non si limiti all’analisi dei segmenti, ma interagisca con tutti quegli organismi che vivono all’interno, sopra e sotto di quei terreni o di quel tratto di mare”.

Per quanto riguarda i tempi del progetto ‘Pitagora’ “la scaletta – ha garantito Focardi – sarà rigorosa, lavoreremo a breve, medio e lungo termine per conoscere la situazione di oggi, tenendo conto anche dei dati già esistenti, impegnandoci a seguirla per qualche tempo, fino a quando sarà possibile intervenire per contribuire a recuperare il territorio”.

Il professor Saggiamo ha parlato “di tempi ragionevoli e fisiologici, per non essere inutili, andando avanti per step, con un coordinamento sinergico, integrando le conoscenze attuali con quelle nuove, evitando le conflittualità e portando avanti procedure inoppugnabili dal punto di vista giudiziario, altrimenti – ha detto – si rischia di rimanere bloccati per anni”.

Fonte: www.regione.calabria.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico