Questo articolo è stato letto 3 volte

Dismissioni, ‘Valore Paese – Dimore': immobili di pregio all’asta

dismissioni-valore-paese-dimore-immobili-di-pregio-allasta.gif

L’attività frenetica che contraddistingue i movimenti del Governo Renzi potrebbe contribuire ad impartire una sterzata importante al tema delle dismissioni: attraverso l’Agenzia del Demanio sta infatti partendo una nuova operazione di dismissione di pregiati edifici pubblici dislocati lungo tutta la Penisola. Non si tratterà solo di vendite di beni immobiliari pubblici ma anche di concessioni: il tutto raggruppato sotto la voce “Valore Paese e dimore” che assesterà il suo primo passo attraverso la cessione di alcuni beni di pregio con valore superiore ai 400mila euro: avverrà solo attraverso modalità online e senza una base d’asta, cioè ad offerta libera, purché congrua.

Tra i beni “d’elite” compresi nell’operazione partita ieri da Mestre (e che farà tappa anche ad Ancona, Milano e Bari) ci sono, ad esempio, un castello del 1400 a Gradisca d’Isonzo (Gorizia), una palazzina nel centro di Trieste, l’ex convento del Seicento a S.Domenico Maggiore Monteoliveto (provincia di Taranto) e “Casa Nappi” a Loreto (Ancona). Per l’Isola di Poveglia a Venezia invece si procederà con la vendita del diritto di superficie per 99 anni: il bene è complessivamente composto da 3 isolotti molto vicini tra loro, posti di fronte al Lido e nelle vicinanze della bocca del porto di Malamocco.

L’azione dell’Agenzia del Demanio potrebbe dare sviluppo alla questione dismissioni, un tema che spesso viene inserito nelle agende governative con l’obiettivo di “fare cassa”. Soprattutto negli ultimi anni di ristrettezze nei bilanci e di obbligo di impellente revisione di spesa il tema dismissioni ha sempre caratterizzato gli annunci e i proclami dei rappresentati dell’esecutivo. Ma non sempre (anzi raramente) con risultati soddisfacenti a livello di incasso economico finale. È proprio di qualche settimana fa l’annuncio del Ministro della difesa Roberta Pinotti dell’idea di attivare la vendita in blocco di palazzi, caserme, fari e terreni di proprietà pubblica. Una proposta che si innesta sul binario percorso dall’Agenzia del Demanio: si attende di comprendere se i risultati delle operazioni saranno caratterizzati dal successo.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>