Questo articolo è stato letto 0 volte

Dissesto idrogeologico: i Geologi insieme per la messa in sicurezza

dissesto-idrogeologico-i-geologi-insieme-per-la-messa-in-sicurezza.jpg

I geologi convergono per salvaguardare la sicurezza del territorio italiano: questo il senso della collaborazione avviata proprio in questi giorni tra Consiglio Nazionale dei Geologi ed il SINGEOP, il Sindacato dei Geologi Italiani, nell’attività di stesura di un importante documento tecnico.

Il Presidente Gian Vito Graziano ed il Presidente del sindacato, Guglielmo Emanuele si sono incontrati nella giornata di ieri a Roma per mettere a punto alcune iniziative comuni.

“Nello spirito di fattiva collaborazione instaurata da qualche tempo tra le due istituzioni ed anche nella qualità di Coordinatore della Commissione per la redazione di Linee Giuda per la progettazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico – ha spiegato Gian Vito Graziano –  ho chiesto al sindacato dei geologi di collaborare nella definizione del documento tecnico in questi giorni in discussione presso la struttura di missione Italiasicura“.

Il tema del contrasto al dissesto idrogeologico è al centro dell’Agenda del Governo Renzi sin dal suo insediamento: per saperne di più, con riferimenti alla Struttura di Missione Italiasicura guidata da Erasmo D’Angelis, leggi l’articolo Lotta al dissesto idrogeologico al centro dell’Agenda Renzi.

“Ci siamo resi immediatamente disponibili a collaborare con il CNG – ha affermato Guglielmo Emanuele in nome del SINGEOP -, ci apprestiamo ora a coinvolgere anche le altre componenti professionali presenti in Confprofessioni”.

Risulta evidente come la messa in sicurezza del territorio sia un compito estremamente importante che transita anche attraverso il consolidamento dei versanti e dei pendii in terreni non lapidei. Per approfondire tale tema Maggioli Editore consiglia il volume Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti di Piergiuseppe Froldi: all’interno del libro sono analizzate le caratteristiche fisico-meccaniche e statico-dinamiche delle frane attive, quiescenti o potenziali per prevederne, dal punto di vista ingegneristico, la stabilità, la possibile evoluzione nel tempo e nello spazio e progettarne gli interventi di stabilizzazione a mezzo delle palificate di consolidamento.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>