Questo articolo è stato letto 2 volte

DURC online, boom per la nuova procedura: 350mila richieste al 31 luglio

durc-online-boom-per-la-nuova-procedura-350mila-richieste-al-31-luglio.jpg

Continuano ad allinearsi risultati positivi per il DURC online, la nuova procedura semplificata di rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva.

A delineare ciò è una nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, illustrando il seguente concetto: “Al 31 luglio, nel primo mese dall’avvio dell’operatività, sono state 350.567 le richieste della certificazione pervenute ai tre enti gestori della procedura (INPS, INAIL e Casse Edili). Per 282.879 (pari all’80,7%) c’è stato il rilascio in tempo reale del DURC che, è opportuno ricordarlo, ha validità di quattro mesi e può essere utilizzato per ogni finalità richiesta dalla legge senza bisogno di richiederne uno nuovo ogni volta. Un dato positivo, che attesta un’elevata percentuale di conformità ai requisiti di legge da parte delle imprese, migliorando il dato di regolarità riscontrato dopo 15 giorni dall’avvio (il 67,8%)”.

Ricordiamo che il processo di cambiamento si é concretizzato lo scorso 1 luglio con l’avviamento del nuovo DURC semplificato. Si tratta della procedura che consente il rilascio del documento unico di regolarità contributiva in formato PDF con un solo click. Leggi in proposito l’articolo DURC, la semplificazione arriva attraverso un click.

“Riguardo alle restanti richieste – prosegue la nota – per il 14,3% (50.128 in valore assoluto) è stata avviata un’istruttoria che si conclude entro le 72 ore dalla presentazione della domanda con il rilascio di un DURC regolare o con la richiesta di regolarizzazione. Per il 4,7% dei casi (16.406 in valore assoluto) è stata accertata un’irregolarità, ovvero una non conformità ai requisiti previsti dalla legge”.

Leggi l’articolo DURC online: i dati (positivi) dei primi 15 giorni di applicazione.

“La nuova procedura di rilascio del DURC – prosegue la nota – riduce i tempi per l’ottenimento della certificazione e, di conseguenza, consente risparmi significativi, in termini di impiego di ore di lavoro, per le imprese, le Pubbliche Amministrazioni ed i soggetti tenuti al rilascio”.

Per maggiori informazioni di tipo pratico ed applicativo sulla nuova procedura avviata nel corso dell’estate consulta l’articolo DURC online semplificato: le ultime direttive dell’INPS.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>