Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia, cessione di fabbricati ristrutturati

edilizia-cessione-di-fabbricati-ristrutturati.gif

La cessione di fabbricati ristrutturati e` comunque imponibile ad IVA quando effettuata entro quattro anni dall`ultimazione dei lavori, anche se l`intervento edile non era strettamente necessario a recuperare lo stato di degrado degli immobili.

Allo stesso modo, la condizione iniziale di fatiscenza dei fabbricati non e` richiesta nemmeno per l`applicabilita` dell`aliquota IVA ridotta al 10%, prevista dal n.127-quinquiesdecies, della Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. 633/1972, per la cessione di fabbricati, o loro porzioni, sui quali siano stati eseguiti interventi incisivi di recupero. Tuttavia, per poter applicare l`aliquota ridotta, e` necessario che i lavori siano ultimati prima della cessione.

L’Ance mette in evidenza i chiarimenti apportati in merito dall`Agenzia delle Entrate nella Circolare Ministeriale n. 8/E del 13 marzo 2009, con la quale vengono ufficializzate le risposte fornite dalla medesima Amministrazione finanziaria nel corso degli incontri con la stampa specializzata tenutisi nello scorso mese di gennaio. 

Imponibilita` ad IVA della cessione di fabbricati ristrutturati
L’Ance ricorda che con il D.P.R. 633/1972 viene stabilita l`imponibilita` ad IVA, tra le altre, delle cessioni di fabbricati oggetto di interventi di recupero incisivo (restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o urbanistica), quando effettuate entro quattro anni dall`ultimazione dei lavori.

"In tal ambito, con la citata Circolare n.8/E/2009, l`Agenzia delle Entrate precisa che l`applicazione di tale disciplina prescinde dall`esistenza, o meno, di una situazione di degrado del fabbricato oggetto di cessione, per cui risultano comunque imponibili ad IVA i trasferimenti posti in essere entro quattro anni dall`ultimazione dei lavori di recupero – sottolinea l’associazione dei costruttori.

L`Agenzia, in conformita` a quanto gia` chiarito nella C.M. 12/E/2007 (cfr. News ANCE n.1110 del 2 marzo 2007), ribadisce, inoltre, che risultano in ogni caso assoggettate ad IVA le cessioni di fabbricati ancora in corso di ristrutturazione al momento della vendita, a condizione che i lavori siano stati effettivamente realizzati, seppur parzialmente (a tal fine, non e` infatti sufficiente la semplice richiesta delle autorizzazioni amministrative all`intervento)".

Aliquota IVA applicabile alla cessione di fabbricati ristrutturati
Per quanto riguarda l`aliquota IVA, nella Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. 633/1972, si dispone l`applicabilita` dell`aliquota ridotta al 10% al trasferimento di fabbricati, o loro porzioni, che sono stati oggetto di interventi di recupero incisivo (restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o urbanistica).

Con la Circolare 8/E/2009 si precisa che tale aliquota e` applicabile:
– a prescindere dallo stato iniziale di degrado del fabbricato;
-a condizione che l`intervento di recupero sia ultimato prima della cessione.

Nel caso in cui, invece, la cessione del fabbricato avviene in corso di ristrutturazione, si applica l`Iva ad aliquota ordinaria del 20%.

Fonte: www.ance.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico