Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia Urbanistica

Edilizia e infrastrutture: intesa Anci-Ance

edilizia-e-infrastrutture-intesa-anci-ance.gif

Un Osservatorio congiunto permanente per il confronto sui dati legati all’edilizia, iniziative bilaterali finalizzate alla semplificazione del rapporto tra imprese e pubblica amministrazione, revisione del Patto di stabilità e un programma di recupero e riutilizzo degli edifici, scolastici in primis, con il coinvolgimento di finanziatori privati.

Sono questi alcuni dei punti salienti del protocollo d’intesa firmato oggi dai vertici di Anci e Ance. Presenti alla firma i presidenti Sergio Chiamparino, Paolo Buzzetti, e il delegato alle Infrastrutture dell’Anci Roberto Reggi.

“L’accordo di oggi può sembrare inusuale ma è necessario perché i vincoli del Patto di stabilità sono un problema non più eludibile che penalizza sia i Comuni che le aziende”. Così Sergio Chiamparino aprendo la conferenza stampa di presentazione dell’accordo.

“I vincoli stringenti del Patto – ha continuato Chiamparino – rischiano di soffocare anche le imprese che non possono essere pagate e il risultato più immediato è il rischio della perdita di migliaia di posti di lavoro. Anche alla luce dell’accordo di oggi chiederemo quindi a Tremonti di accogliere le nostre richieste che avanziamo da tempo”.

“Non vogliamo la cancellazione del Patto di stabilità – ha detto Buzzetti nel suo intervento – ma un ritocco perché non si può salvare il bilancio dello Stato con il fallimento delle imprese e dei Comuni. Le opere che le imprese fanno con i Comuni – ha precisato poi il presidente dell’Ance – sono per la qualità della vita dei cittadini e vanno incoraggiate.

La possibilità per allentare i vincoli del Patto di stabilità esiste, penso al coinvolgimento della Cassa depositi e prestiti, chiediamo quindi che si intervenga”.

Punto forte dell’accordo sarà l’Osservatorio congiunto permanente che permetterà ad Anci e Ance di vedere dove vanno le risorse e come, e in che tempi, vengono distribuite e utilizzate.

“I Comuni realizzano circa il 50% degli appalti pubblici – ha infine sottolineato Roberto Reggi – è quindi indispensabile permettere loro di continuare a sviluppare questa potenzialità che a pieno regime potrebbe dare una grossa mano a tutta l’economia nazionale”.

Fonte: Anci

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>