Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia e tutela del territorio in Veneto

edilizia-e-tutela-del-territorio-in-veneto.jpg

Rapporto congiunturale sull`industria delle costruzioni – Febbraio 2009  
E’  stato presentato a Venezia l`annuale Rapporto congiunturale sull`industria delle costruzioni in Veneto. Il convegno, promosso da Ance Veneto e` stato introdotto dal Presidente di Ance Veneto Stefano Pelliciari.

Il rapporto, curato dall`Ance Veneto in collaborazione con il Centro Studi dell`Ance, illustra l`andamento del settore delle costruzioni nel 2008 e le previsioni per il 2009.

Nel 2008 in Veneto, si accentua l`andamento negativo dei livelli produttivi iniziato nel 2007 (-1,1% rispetto al 2006), anticipando di un anno la flessione rilevata a livello medio nazionale.
I preconsuntivi per il 2008 indicano una riduzione degli investimenti in costruzioni pari a -4,5% in termini reali rispetto all`anno precedente.

Il 2009 si annuncia come un anno in forte calo. In Veneto, le stime derivanti dall`indagine straordinaria effettuata a fine novembre 2008, mettono in luce una riduzione dei livelli produttivi del settore del 9,6% in termini reali. Una flessione piu` forte di quella prevista nella media nazionale valutata nel -6,8%. 

Complessivamente dal 2007 al 2009 il calo degli investimenti in costruzioni in Veneto e` stimabile nel 14,6%.

In conseguenza a cio` le imprese venete, prevedono, nel 2009, un calo dei livelli occupazionali del 9% corrispondente a circa 15.300 posti di lavoro in meno. Se consideriamo l`indotto e teniamo conto del calo occupazionale che si e` gia` manifestato nel 2008, si puo` stimare una perdita complessiva di circa 32.800 occupati.

Si e` passati dalla preoccupazione per le ripercussioni che la crisi economica e finanziaria avrebbe potuto avere sullo sviluppo delle attivita`, alla verifica nei fatti delle sue conseguenze sull`economia reale.

Negli ultimi mesi, le imprese hanno verificato gli effetti della stretta creditizia e del calo della fiducia delle famiglie e delle imprese. A questo si e` aggiunto il problema dei ritardati pagamenti della pubblica amministrazione a fronte di lavori eseguiti.

Molte imprese di costruzioni sono costrette a rimandare o a rinunciare all`avvio di nuovi interventi di costruzione di iniziativa privata.

Il rapporto contiene, inoltre un`analisi sulle dinamiche che hanno caratterizzato il mercato immobiliare della regione, il settore del credito, le tendenze demografiche e le politiche urbane presenti nel contesto locale, lo stato di attuazione della Legge Obiettivo in Veneto, l`attuazione della finanza di progetto e l`andamento dei bandi di gara per opere pubbliche. 

Rapporto Ance Veneto
*****

Accordo per la difesa dei litorali di Chioggia e Rosolina 
Regione, Magistrato alle Acque e i Comuni di Chioggia e Rosolina hanno firmato a Venezia, un protocollo d’intesa finalizzato a regolare gli interventi per la salvaguardia del litorale di Chioggia e la definizione dell’assetto della foce del fiume Adige.

Il protocollo, che prevede lavori per complessivi 4,5 milioni di euro,  assume particolare importanza per l’urgenza richiesta nel dare immediato avvio alle opere emergenziali di difesa dei litorali di Sottomarina, Isola Verde e Rosolina, compromessi da recenti mareggiate.

Gli interventi prevedono, nel primo caso, il ripascimento dell’arenile eroso con sabbia prelevata dallo stesso litorale settentrionale di Sottomarina; la realizzazione, di fronte al tratto in erosione, di una barriera sommersa per il contenimento del moto ondoso; la protezione, con barriere longitudinali (gabbionata), del piede delle dune erose e la loro rinaturilazzazione mediante il ripristino di vegetazione autoctona per stabilizzarne la scarpata (importo complessivo  € 1.500.000,00).

Per quanto riguarda Isola Verde, previsto il ripristino dell’arenile eroso e la realizzazione di una barriera sommersa per il contenimento della nuova sabbia, che verrà prelevata dai consistenti accumuli di materiale depositatisi a ridosso della diga sud della bocca del porto di Chioggia (importo del finanziamento € 2.500.000,00).

Infine, verranno realizzati dei pennelli stagionali in palancole metalliche alla  foce del fiume Adige con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’acqua di balneazione lungo i litorali di Chioggia e Rosolina (importo   € 500.000,00). A questo proposito è in corso la progettazione di opere per l’assetto definitivo della foce, che prevede, seguendo la logica già applicata per la foce del fiume Brenta, la realizzazione di pennelli in parte fissi e in parte mobili. 

"Sono interventi – ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente della Regione, Giancarlo Conta – che anticipano un progetto più complesso, che consentirà di porre definitivamente  in sicurezza tutto il litorale veneto”.

Fonte: www.regione.veneto.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico