Questo articolo è stato letto 1 volte

Edilizia: Fantasmi di cemento, la lista nera di Italia Nostra

edilizia-fantasmi-di-cemento-la-lista-nera-di-italia-nostra.jpg

In un periodo in cui l’edilizia è al centro di discussioni nei tavoli governativi e degli enti locali con il decreto sviluppo prima e con la manovra poi, e i relativi piani casa regionali, segnaliamo la nuova campagna dell’associazione Italia Nostra.

“Il nostro paesaggio, soprattutto quello urbano ma anche quello pregiato delle coste, – spiega l’associazione –  è disseminato di opere a metà, incompiute, tristi fantasmi di cemento deteriorato, pilastri sospesi, distese di erbacce che penetrano lentamente negli alvei di calcestruzzo. Le opere incompiute che evocano ciò che avrebbero potuto essere e rammentano gli sprechi compiuti, soprattutto di territorio che, un giorno, forse era stato produttivo, ed ora è lasciato al degrado, all’abbandono e alla triste visione dei passanti”.

Italia Nostra propone di mettere sotto osservazione:

  • i manufatti di cemento dismessi, degradati e poi abbandonati;
  • le opere non finite, incompiute prima ancora di essere utilizzate e lasciate a se stesse come fantasmi fatiscenti in attesa di un riuso possibile …. oppure di una definitiva smobilitazione;
  • le opere già condannate a una demolizione che non è mai arrivata e che non prevede soldi per compierla.

“Il Fuenti e Pogerola sulla costa sorrentina sono sicuramente i casi più eclatanti, molto seguiti da Italia Nostra, ma anche all’interno di una città come Siracusa sono presenti enormi scatoloni di cemento da anni abbandonati – precisa -. Nel Brindisino e un po’ in tutto il territorio Pugliese vacanti ecomostri spaziano nel paesaggio.

Anche in Veneto ed in Emilia Romagna sono presenti capannoni fatiscenti ed abbandonati.  E poi continua ad esistere Pizzo Sella a Palermo, l’albergo Alimuri a Vico Equense, i “mostri” sulla spiaggia di Lido Rossello a Realmonte in provincia di Agrigento, le distese di seconde case al mare a Torre Mileto a Lesina sul Gargano e a Capo Colonna a Crotone e, tra le opere pubbliche iniziate a mai finite c’è sicuramente lo stadio del polo (!!!!) per 20 mila persone a Giarre in Sicilia”. 

Obiettivo di questa campagna non è solo quello di un censimento per raccontare la storia dello spreco (di soldi e di territorio) ma è anche quello di elaborare una proposta concreta per liberare il nostro paesaggio da questi, piccoli e grandi ecomostri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>