Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia in Lombardia

edilizia-in-lombardia.gif

Piano edilizia, ok dal Consiglio regionale
Il consiglio regionale ha approvato a larga maggioranza il progetto di legge “Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia” varato dalla giunta lombarda su proposta del presidente Roberto Formigoni di concerto con l’assessore al Territorio e Urbanistica, Davide Boni, lo scorso 3 giugno. […]

Notevoli anche le ricadute positive sia per quanto riguarda l’economia che l’occupazione.
“Vogliamo – ha detto ancora il presidente lombardo – accrescere il bello, l’eco-compatibile, il risparmio energetico, il lavoro”.

L’insieme degli investimenti potenziali è stimato tra 5,8 e 6,5 miliardi di euro; positiva anche la ricaduta sull’indotto occupazionale, valutabile in 30.000 nuovi posti di lavoro, e sul profilo energetico con un risparmio annuo valutabile in circa 44 milioni di euro.

I Comuni hanno poi la possibilità di individuare zone del proprio territorio in cui non applicare la nuova legge.
“La nuova legge – ha concluso l’assessore alla Casa e Opere Pubbliche, Mario Scotti – rappresenta una grande opportunità anche per i soggetti pubblici che avranno 24 mesi di tempo per predisporre i progetti di riqualificazine. Va anche tenuto conto che, in questo caso, la realizzazione di nuove volumetrie è subordinata al conseguimento dei requisiti minimi di risparmio energetico e all’esecuzione di interventi di recupero paesaggistico-ambientale”.

In sintesi legge individua quattro tipi di intervento.

1 – Recupero e riutilizzo a scopo residenziale di volumetrie abbandonate, sottoutilizzate o che attualmente hanno altra destinazione (interventi prevedibili pari a circa 1.700.000 metri cubi; investimento tra 487 e 527 milioni di euro).

2 – Ampliamento fino al 20% (e comunque per non più di 300 metri cubi) del volume complessivo di edifici mono e bifamiliari, ovvero di edifici con volumetria non superiore a 1.200 metri cubi (si stimano in tutta la Regione nuove volumetrie per circa 5.600.000 metri cubi complessivi e investimenti di circa 2,5 miliardi di euro).

3 – Demolizione e ricostruzione di edifici residenziali e produttivi, con bonus volumetrico sino al 30% del volume preesistente, aumentabile al 35% in presenza di adeguate dotazioni di verde, cioè una dotazione arborea che copra almeno il 25% del lotto (volumetria residenziale da edificare pari a circa 1.800.000 metri cubi, investimento di 1,7 miliardi di euro; edifici produttivi industriali o artigianali, investimento tra 700 milioni e 1,43 miliardi di euro). 

4 – Riqualificazione di quartieri di edilizia residenziale pubblica (3.000 nuovi alloggi, investimento di 420 milioni di euro).

CRITERI E CAUTELE GENERALI
La legge ha carattere di straordinarietà (la sua applicazione avrà durata di 18 mesi) e contiene idee guida e disposizioni mirate alla sicurezza dei cittadini e del territorio, della qualità degli insediamenti e dell’ambiente.

In particolare:
– rispetto delle condizioni di inedificabilità per vincoli ambientali, idrogeologici, paesaggistici e monumentali;
– inapplicabilità della legge nelle aree naturali protette;
– per i parchi, riduzione di un terzo degli aumenti di volumetrie consentiti (quindi +13,3% anziché +20% per l’ampliamento di edifici esistenti e 20% anziché 30% nel caso di demolizione-ricostruzione); 
– previsione di particolari requisiti per il risparmio energetico negli interventi ammessi (nel caso di ampliamento, riduzione certificata del 10% del consumo energetico; nel caso di sostituzione di edifici, consumo energetico ridotto del 30% rispetto agli standard previsti in generale);
– applicazione del codice civile e delle normative in materia di sicurezza, igiene, paesaggio e beni culturali;
– inapplicabilità delle disposizioni della legge per quanto concerne gli edifici abusivi.
*****

Malpensa, sono 550 gli alloggi delocalizzati che passano ai Comuni
I 549 alloggi acquisiti da Regione Lombardia nei Comuni di Ferno, Somma Lombardo e Lonate Pozzolo (in seguito al processo di delocalizzazione avviato nel 2000 con un Accordo di programma Quadro sottoscritto per far fronte ai molteplici disagi causati dalla vicinanza con l’aeroporto di Malpensa) entrano ora a far parte del patrimonio edilizio di questi tre Comuni, che potranno quindi avvalersene in base alle loro esigenze.

E’ quanto prevede il “Secondo atto aggiuntivo all’Accordo di Programma Quadro in materia di trasporti – Aeroporto intercontinentale di Malpensa 2000″, sottoscritto dagli assessori regionali al Territorio e Urbanistica, Davide Boni, alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, e alla Qualità dell’Ambiente, Massimo Ponzoni, con i Ministeri dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e Trasporti, dell’ Ambiente, le province di Milano e Varese, i Comuni di Somma Lombardo, Lonate Pozzolo e Ferno, Finlombarda e l’Aler della Provincia di Varese.

“Attraverso questo provvedimento – commenta l’assessore Boni – saranno pertanto i Comuni a decidere i destini delle abitazioni acquisite e potranno valorizzarle in piena autonomia e nel rispetto dell’ambiente attraverso, ad esempio, la redazione dei Piani di governo del territorio (Pgt) o avvalendosi dello strumento della perequazione urbanistica con la ricollocazione dei volumi o degli strumenti della programmazione negoziata, individuando anche interventi di mitigazione e compensazione ambientale”. […] 

Fonte: www.regione.lombardia.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>