Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia: nuove regole in Valle D’Aosta

edilizia-nuove-regole-in-valle-daosta.jpg

La Giunta regionale ha approvato il nuovo regolamento che ora dovrà passare al vaglio del Consiglio regionale. Per l’acquisto della casa si può richiedere 70mila euro per i single e 100mila euro per due o più persone

Cambiano le regole per accedere ai muti regionali per l’acquisto e il recupero della prima casa. 
Il nuovo regolamento ora dovrà passare al vaglio del Consiglio regionale.

La novità più importante del testo illustrato dall’assessore alle Opere pubbliche Marco Viérin riguarda gli importi massimi.

Per l’acquisto della casa si può richiedere 70mila euro per i single e 100mila euro per due o più persone.

Per il recupero gli importi massimi saranno di 90mila euro per i single e di 120mila euro per due o più persone. Si allunga anche il periodo di ammortamento che da 25 passa a 30 anni. Inoltre, vengono richiesti 8 anni di residenza in Valle anziché 5.

Per accedere ai mutui si propone di prendere a riferimento l’Isee (indicatore della situazione economica equivalente): il parametro minimo è un Isee di 12mila euro e un massimo di 40mila. Anche i tassi di interesse saranno ancorati all’Isee: fino a 20mila euro il tasso è dell’1%, fra 20 e 30mila euro il tasso è del 2% e fra 30 e 40mila il tasso è del 3%.

“E’ un’azione forte su un tema di grande interesse – ha sottolineato il presidente della Regione, Augusto Rollandin – che può favorire la soluzione del problema casa.

Nel prossimo futuro la Giunta intende esaminare con attenzione anche le politiche per il recupero dei centri storici e gli interventi su edifici fatiscenti nella direzione di ridurre i tempi per ottenere la concessione edilizia”.

Fonte: www.aostasera.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico