Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia pubblica in Friuli

edilizia-pubblica-in-friuli.gif

100 milioni di euro per le politiche della casa
Il Governo regionale ha approvato lo stanziamento di 8.720.000 di euro per la realizzazione degli interventi che i comuni attueranno nel 2009 a favore delle famiglie meno abbienti per il pagamento degli affitti.

La cifra è parte integrante di un pacchetto di iniziative a supporto delle politiche per la casa, deliberato nel corso dell’odierna seduta di Giunta a Udine. Il pacchetto riguarda, oltre al sostegno alle locazioni, la promozione di interventi d’edilizia agevolata, sovvenzionata e convenzionata.

In particolare, e sostanzialmente a supporto dei mutui sottoscritti dai cittadini, la Giunta ha detinato 7.100.000 all’anno per 10 anni (2009-2018) alla realizzazione di interventi di edilizia agevolata mirati alla costruzione di nuove abitazioni ed al restauro del patrimonio edilizio esistente.

A questi fondi si aggiungono 11.930.000 euro di anticipo alle Ater del Friuli Venezia Giulia affinché attuino sul territorio gli opportuni interventi di edilizia sovvenzionata.

Infine, in modo da andare incontro alle esigenze dei cittadini che hanno chiesto di partecipare ai bandi Ater per l’edilizia convenzionata, la Regione ha deciso di effettuare due accantonamenti di fondi nell’arco del decennio 2009-2018 da ripartire in una fase successiva in base alle richieste che verranno fatte dalle stesse Ater.
Il primo, di 100 mila euro l’anno, riguarda in via specifica il soddisfacimento delle domande presentate nel 2009; il secondo, di 800 mila euro l’anno, è destinato alla realizzazione, da parte delle Ater, di abitazioni da dare in locazione a canone convenzionato.

Nuovi fondi alle Ater del Friuli  
La Giunta regionale ha ripartito 1.418.518 euro a favore delle Ater di Udine (519.010 euro), Pordenone (498.760,78 euro), Trieste (362.402 euro) e Alto Friuli (38.345 euro).
I fondi sono destinati alla manutenzione straordinaria degli alloggi sfitti in modo da renderli immediatamente utilizzabili ed alla realizzazione di interventi d’edilizia sovvenzionata da avviare entro il 2009.

La localizzazione delle opere sarà decisa in base alle proposte che le Ater dovranno presentare entro e non oltre il prossimo 30 settembre.

La somma messa a disposizione delle Ater è frutto della riassegnazione di quote derivanti dal rendiconto degli interventi sostenuti con i fondi messi a disposizione dall’accordo di programma stipulato nel 2001 tra il Ministero dei Lavori pubblici e la Regione e destinati all’attuazione dei programmi di edilizia sovvenzionata in Friuli Venezia Giulia,.

Fonte: www.regione.fvg.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>