Questo articolo è stato letto 3 volte

Edilizia pubblica, riqualificazione in Emilia Romagna

edilizia-pubblica-riqualificazione-in-emilia-romagna.jpg

Dopo tre anni di lavori e nell’ambito di un ampio progetto di riqualificazione e sicurezza urbana, i blocchi 1 e 2 del “Garibaldi 2” di di Calderara di Reno (Bo) sono stati completamente ristrutturati e ora, al posto dei 62 monolocali, vi sono 37 nuovi appartamenti più ampi che entrano a far parte del patrimonio di edilizia residenziale pubblica del Comune.

Il 12 marzo, il presidente della Regione Vasco Errani, il sindaco di Calderara Irene Priolo e il vicepresidente della Provincia di Bologna Giacomo Venturi consegneranno, alle prime 20 famiglie assegnatarie – 13 italiane e 7 straniere – le chiavi dei nuovi alloggi Erp che il Comune, con il sostegno della Regione, ha realizzato al Garibaldi 2.

Il punto sulla conclusione della prima fase dei lavori di riqualificazione urbana dell’imponente complesso residenziale – come previsto dall’accordo di programma sottoscritto nel 2003 fra Comune di Calderara, Regione, Prefettura e Provincia di Bologna – è stato fatto a Bologna dal sottosegretario alla presidenza della Regione Alfredo Bertelli e dal sindaco di Calderara di Reno Irene Priolo.

Il Comune ha acquisito l’intera proprietà dei blocchi 1 e 2 e, come stabilito dall’accordo di riqualificazione, trasformato i 62 monolocali in 37 alloggi più grandi.
I nuovi appartamenti – dai due monolocali fino al più grande con tre camere e due bagni – sono entrati a far parte del patrimonio Erp del Comune e consegnati in base alla graduatoria Erp: 23 saranno assegnati in questi giorni, i restanti 14 saranno, invece, temporaneamente destinati dal Comune ai fini abitativi per il proseguimento dei lavori sull’intero stabile.

L’intero intervento è frutto di un progetto sperimentale e multisettoriale che ha integrato interventi di progettazione e trasformazione edilizia e urbanistica ad iniziative di carattere sociale, culturale ed economico. La completa riqualificazione dei blocchi 1 e 2 ha reso possibile una riduzione della densità abitativa, ripristinando una situazione di sicurezza dal punto di vista edilizio, igienico-sanitario e sociale.

La riqualificazione del Garibaldi 2 è stata affiancata dal 2006 dal Piano di accompagnamento sociale che ha previsto una serie di attività sociali di supporto e dedicate alle famiglie residenti e ai cittadini di Calderara. La scorsa estate il Comune ha inaugurato nell’area porticata al piano terra del blocco 2 i nuovi uffici della Polizia municipale del corpo intercomunale “Terred’Acqua”, costituito grazie ad un accordo con la Regione. Si tratta di uno dei 42 nuclei intercomunali costituiti fino ad oggi in Emilia-Romagna e che garantiscono ai cittadini, proprio attraverso l’accorpamento dei servizi, una presenza più razionale ed efficace.

A questa si vanno ad aggiungere gli uffici della società partecipata “Sviluppo Calderara” (nata per la realizzazione del Piano di riqualificazione), del Pas e gli spazi per associazioni senza scopo di lucro, tramite un bando che è stato vinto dall’associazione Funamboli, con il progetto “ReMida Bologna Terre d’Acqua” per il riuso creativo dei materiali di scarto aziendale.

Fonte: www.regione.emilia-romagna.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>