Questo articolo è stato letto 1 volte

Edilizia scolastica: 20 milioni per la salvaguardia dei controsoffitti

edilizia-scolastica-20-milioni-per-la-salvaguardia-dei-controsoffitti.jpg

La sicurezza negli edifici scolastici al centro del grande progetto di riforma della scuola: proprio in questi giorni si affollano le voci sui contenuti dei provvedimenti che dovranno inglobare le novità in materia di scuola. Ma alcune certezze già ci sono.

Ad esempio in materia di edilizia scolastica: “Con questo provvedimento di legge di riforma della scuola – ha spiegato questa mattina il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini – pensiamo di fare, con 20 milioni euro, il controllo di tutti i controsoffitti degli edifici scolastici, che sono il punto gracile di scuole molto spesso costruite tra gli anni ’60 e ’70, con criteri meno sicuri di come si dovrebbe. È un punto che richiederà qualche mese, ma vale la pena affrontare anche questa fatica”.

“La competenza sull’edilizia scolastica – ha proseguito il ministro – è anche una competenza del Miur, che con questo Governo ha istituito un Osservatorio. L’edilizia è stato il primo punto concreto. Gli edifici scolastici in Italia sono 42mila, abbiamo iniziato con interventi che hanno coinvolto e stanno coinvolgendo, tra manutenzione, messa in sicurezza e nuova edificazione, 10mila edifici. È un lavoro importante che va fatto”.

Per approfondire il tema consulta la Pagina speciale dedicata all’Edilizia scolastica.

Nel frattempo il piano “La Buona Scuola” è confluito in un disegno di legge che il 10 marzo arriverà sul tavolo del Consiglio dei Ministri. Dovrà poi intraprendere il suo cammino in Parlamento. Lentamente, quindi, arriverà alla fine del percorso.

A cura di Marco Brezza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>