Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia scolastica: il piano prende forma anche in Puglia e Sardegna

edilizia-scolastica-il-piano-prende-forma-anche-in-puglia-e-sardegna.jpg

Prosegue il viaggio del grande piano governativo per l’edilizia scolastica in giro per l’Italia: nelle scorse giornate abbiamo esplorato le varie Regioni in cui è avvenuta l’apertura dei lavori per la manutenzione volta al ripristino del decoro e della funzionalità degli edifici che accolgono i nostri ragazzi nella attività scolastica. Il Piano #scuolebelle (articolazione del piano complessivo per la tutela degli edifici scolastici) ha preso il via anche in Sardegna e in Puglia: andiamo ad osservare più da vicino l’entità dei lavori e degli interventi.

Regione Sardegna. Nel territorio insulare sono in partenza piccoli lavori da 7mila euro ma anche cantieri di 40mila euro fra Cagliari, Assemini e Dolianova. Sono 339 le strutture interessate da lavori, su circa 1600 plessi. Le risorse a disposizione ammontano a oltre 3 milioni per la provincia di Cagliari con 283 lavori (su 588) già finanziati per il 2014. Verso Sassari confluiranno circa 140mila euro: saranno necessari immediatamente per 18 scuole su un totale di 449 plessi. A Nuoro si comincia con 216mila euro per 22 plessi su un totale di 351. Per Oristano pronti, invece, 223mila euro per 16 plessi su 179.

Per tutte le informazioni ed i dettagli normativi in merito al grande piano per la tutela dell’edilizia scolastica consulta la Pagina speciale di Ediliziaurbanistica.it.

Regione Puglia. Al fine di implementare il piano il governo ha stabilito, per ciò che riguarda il 2014, un finanziamento di 150 milioni di euro. Di questi circa 23 milioni sono destinati a 2676 scuole pugliesi: 903 in provincia di Bari (con 3,2 milioni di euro), 282 di Brindisi (2,2), 630 di Lecce (9,9), 360 di Taranto (3,77) e 501 di Foggia (3,7).

Nei prossimi giorni proseguiremo il viaggio nelle varie articolazioni del Piano governativo per l’edilizia scolastica, che riguardano, ricordiamo, anche la messa in sicurezza e l’edificazione di nuove strutture scolastiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>