Questo articolo è stato letto 1 volte

Edilizia scolastica in Molise

edilizia-scolastica-in-molise.jpg

Il Molise figura tra le regioni più virtuose d’Italia per la sicurezza nelle scuole. Il dato positivo emergerebbe da una serie di inchieste e di relazioni redatte negli ultimi tempi sullo stato di salute degli edifici scolastici nell’intero territorio nazionale.

L’area con il maggior numero di scuole che rispondono agli standard di sicurezza è quella della provincia di Isernia, ma una buona posizione è mantenuta anche da quella di Campobasso.

Nella zona di Isernia sono più evidenti gli interventi fatti nei vari edifici dopo il terremoto del 1980, mentre a Campobasso si stanno vedendo gli effetti del Programma "Scuola Sicura", portato avanti dal governo regionale dopo la tragedia di S. Giuliano di Puglia.

Da tempo abbiamo ritenuto – ha detto il Presidente della Regione Michele Iorio – di considerare una priorità assoluta la sicurezza nelle scuole, per la qualcosa, abbiamo investito cospicue risorse in un programma di interventi che abbiamo chiamato Progetto "Scuola Sicura".

Un progetto questo, che ha interessato tutta la regione, a partire dall’area più colpita dal terremoto del 2002. Dopo aver fatto uno screening su tutti gli edifici scolastici della regione, mettendo a punto per ciascuno di loro un fascicolo che ne ha "fotografato" le reali condizioni strutturali e i requisiti di sicurezza, abbiamo provveduto a ristrutturare le scuole di " vecchia" costruzione, e per quelle che presentavano particolari criticità abbiamo previsto una nuova realizzazione parziale o integrale del plesso.

La sicurezza nelle scuole appartiene ad un concetto di alta civiltà, che questa regione ha sempre avuto, ma che è diventata drammaticamente ineludibile con l’incidente che interessò l’Istituto Jovine in quel triste 31 ottobre del 2002. Continueremo sulla strada del Progetto "Scuola Sicura", certi di rendere un servigio prezioso all’intera società in tutte le sue componenti".

Fonte: www.regione.molise.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico