Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia scolastica, Renzi ai Sindaci: scegliete una scuola e sistemiamo quella

edilizia-scolastica-renzi-ai-sindaci-scegliete-una-scuola-e-sistemiamo-quella.jpg

Matteo Renzi ha scritto ai Sindaci chiedendo loro di individuare una scuola nel loro territorio e di esplicitare quali lavori devono essere fatti per recuperarla. Prosegue quindi l’attenzione del nuovo Premier nei confronti dell’edilizia scolastica: entro il 15 marzo Renzi vuole una risposta dai Comuni. Il Capo del Governo indica sempre la stessa priorità, comune ai Sindaci e all’Esecutivo: la ristrutturazione degli edifici scolastici. Chissà che, grazie a queste sollecitazioni, non si concluda davvero qualcosa e qualche scuola non venga riqualificata davvero.

“Vogliamo che il 2014 segni l’investimento più significativo mai fatto sull’edilizia scolastica”. È quanto scrive il premier Matteo Renzi in una lettera inviata ai sindaci a cui chiede: “scegliete all’interno del vostro Comune un edificio scolastico. Inviateci entro il 15 marzo una nota sintetica” sul loro stato.

“Noi cercheremo nei successivi quindici giorni di individuare le strade per semplificare le procedure di gara e per liberare fondi dal computo del patto di stabilità interna”.

“Caro collega – scrive Renzi nella lettera ai sindaci – stiamo affrontando il momento più duro della crisi economica. Il più difficile dal punto di vista occupazionale. E un sindaco lo sa. Perché il disoccupato, il cassintegrato, il giovane rassegnato, il cinquantenne scoraggiato non si lamentano davanti a Palazzo Chigi: bussano alla porta del Comune. Voi Sindaci siete stati e siete sulla frontiera e paradossalmente lo avete fatto in un tempo di tagli senza precedenti. Grazie, a nome del Governo”.

“Ma dalla crisi – avverte – non usciremo semplicemente con una ricetta economica, anche se fin dalla prossima settimana arriveranno i primi provvedimenti economici del nuovo Governo. No, dalla crisi si esce con una scommessa sul valore più grande che un Paese può incentivare: educazione, educazione, educazione. Investire sull’educazione necessita naturalmente di un progetto ad ampio raggio, che parta dal recupero della dignità sociale delle insegnanti e degli insegnanti”.

“Ci sarà modo per parlarne nel corso dei prossimi mesi”, assicura spiegando però che “ora la vostra e nostra priorità è l’edilizia scolastica. Nessun ragionamento sarà credibile finché la stabilità delle aule in cui i nostri figli passano tante ore della loro giornata non sarà considerata il cuore dell’azione amministrativa e di governo. Non vi propongo un patto istituzionale – spiega il premier – ma più semplicemente un metodo di lavoro. Vogliamo che il 2014 segni l’investimento più significativo mai fatto da un Governo centrale sull’edilizia scolastica. Stiamo lavorando per affrontare le assurde ricadute del patto di stabilità interno”.

Da qui la proposta: “Vi chiedo di scegliere all’interno del vostro Comune un edificio scolastico. Di inviarci entro il 15 marzo una nota molto sintetica sullo stato dell’arte. Non vi chiediamo progetti esecutivi o dettagliati: ci occorre – per il momento – l’indicazione della scuola, il valore dell’intervento, le modalità di finanziamento che avete previsto, la tempistica di realizzazione. Semplice e operativo come sanno essere i Sindaci. Noi cercheremo nei successivi quindici giorni di individuare le strade per semplificare le procedure di gara, che come sapete sono spesso causa di lunghe attese burocratiche, e per liberare fondi dal computo del patto di stabilità interna”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>