Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia scolastica: sarà un percorso lungo, ma il dado è ormai tratto

edilizia-scolastica-sar-un-percorso-lungo-ma-il-dado-ormai-tratto.jpg

L’ambizioso percorso del grande piano dell’edilizia scolastica in Italia prosegue: il lavoro da fare è tanto, ma la strada è stata imboccata. Lo afferma il sottosegretario all’Istruzione, Roberto Reggi: “I cantieri sono aperti ma è solo la prima fase – spiega quest’ultimo intervistato da Radio Capital -, dal primo gennaio altri fondi, della Banca Europea per gli Investimenti e della Cassa Depositi e Prestiti”.

Il piano per la messa in sicurezza e manutenzione degli edifici scolastici vede al momento impegnati 1,1 miliardi di euro su circa 21mila scuole: “Abbiamo appena iniziato, abbiamo sbloccato il patto di stabilità, i Comuni hanno aggiunto proprie risorse – prosegue Reggi -, per i Sindaci che hanno risposto all’appello ma non avevano fondi in cassa stiamo reperendo le risorse con la Banca Europea per gli Investimenti e con Cassa Depositi e Prestiti”.

Al momento non viene fissata una data per quello che riguarda i lavori per ampliare il rispetto in tutte le scuole del paese delle norme di sicurezza e delle norme antisismiche: per sistemare tutto il fabbisogno è di 12 miliardi. Come si dice in questi casi la situazione è “work in progress”.

Consulta la Pagina speciale sull’Edilizia scolastica con tutte le news e la normativa in materia.

È evidente che ci vorranno anni per portare a termine un piano di proporzioni amplissime, spiega il sottosegretario, concludendo: “In questi giorni stiamo definendo i criteri per la distribuzione di questi fondi che saranno disponibili dal primo gennaio 2015 e passeranno attraverso graduatorie regionali. A breve usciremo con un bando per Comuni e Province”.

Fonte: Ansa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>